Giù le prime reti che ingabbiavano il porto, per Ancona una giornata storica

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 11 giugno 2015 – Il porto di Ancona cambia volto. E inevitabilmente si modifica anche lo skyline di una città sempre più aperta e affacciata sl suo mare. La giornata di oggi è storica. Come promesso sono state abbattute alcune delle reti che da anni, ormai, ingabbiavano il porto creando una separazione netta dal resto della città. Un «muro di Berlino» all’anconetana voluto per ragioni di sicurezza , che al giorno d’oggi, con i previsti mutamenti nello scenario portuale dorico, non ha ragione d’esistere. E così dopo la demolizione delle gru, obsolete e sostituite dalle più moderne gru della nuova darsena dove sono state spostate da quest’anno tutte le attività commerciali, oggi è cominciata la rimozione delle prime reti davanti al basamento della Lanterna. Entro breve tutte le reti fino all’Arco di Traiano saranno rimosse.  

Il presidente dell’Autorità Portuale Rodolfo Giampieri, insieme al sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, all’assessore alle attività portuali Ida Simonella, al segretario generale dell’Autorità portuale Tito Vespasiani e a una folta rappresentanza del personale dell’Ente ha dichiarato che quello di oggi «è un giorno importante, stiamo andando avanti nel disegno che ci eravamo proposti ad aprile del 2014 al lancio di Ancona Open, anticipando grazie alla forte collaborazione con l’Amministrazione comunale, la Capitaneria di porto e agli enti istituzionali preposti,  i tempi previsti». Entro luglio l’intervento sarà concluso «e la città e il territorio avranno a disposizione uno spazio molto ampio, capace di raccontare lo storico, vivo rapporto tra questa terra ed il mare. Questo è l’inizio della storia futura di questa zona, in cui protagonista assoluta sarà la comunità». Per il sindaco «è una giornata di grande soddisfazione perché rappresenta il segno che la collaborazione quotidiana tra istituzioni può portare rapidamente a risultati tangibili. La demolizione delle prime reti è un passo concreto e di alto valore simbolico del percorso che abbiamo avviato e che restituirà ai cittadini, nell’arco di poche settimane, la passeggiata sul mare nel porto antico, vero anello di congiunzione tra la città storica e il mare».

Andrea Massaro



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fermo, avvincenti gare a calcetto I "colletti bianchi" Carifermo fanno gol Successivo Ludovico Einaudi allo Sferisterio il 19 luglio