Giudice, stangata al Fano: 1.300 euro di multa e 3 giornate a Gucci

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Fano, 21 gennaio 2015 – La stangata per il Fano dopo il derby con la Maceratese è arrivata. Sotto forma di multa (e si sapeva) e di una maxi squalifica per l’attaccante Gucci (tre giornate), del tutto inattesa.

Il giudice sportivo ha sanzionato la società granata con un’ammenda di 1.300 euro «per avere, persona non identificata ma chiaramente riconducibile alla società, rivolto, per la intera durata della gara, espressioni offensive all’indirizzo dell’arbitro De Remigis di Teramo. Per avere, inoltre alcuni sostenitori rivolto, per la intera durata del secondo tempo, espressioni offensive all’indirizzo del Commissario di campo e del Direttore di gara».

E’ andata molto peggio alla Sambenedettese, che era in diffida: 3.000 euro di multa e una gara da disputare a porte chiuse «per avere propri sostenitori in campo avverso introdotto ed utilizzato, per la intera durata della gara, materiale pirotecnico ( numerosi fumogeni); lanciato liquidi e sputi all’indirizzo di un Assistente attingendolo alla schiena e sulla nuca; intonato cori offensivi all’indirizzo degli Organi federali. Sanzione così determinata in considerazione della recidiva specifica e reiterata».

E poi 1.500 euro alla Fermana «per avere propri sostenitori per l’ intera durata della gara, rivolto espressioni offensive ed irriguardose all’indirizzo del Direttore di gara e di un Assistente. Per avere, inoltre, nel corso del secondo tempo, lanciato sul terreno di gioco un accendino a tre metri dall’Arbitro».

500 euro alla Jesina «per lancio sul terreno di gioco di una bottiglietta di plastica semivuota». 200 euro al Castelfidardo.

Allenatori. Una giornata a Giulietti (Fano).

Giocatori. Tre giornate a Gucci (Fano) «per avere, al termine della gara, colpito un calciatore avversario con una manata al petto, determinando una situazione di tensione».

Sempre tra i calciatori, una giornata a Lunardini (Fano), Brighi e Dominici (Vis Pesaro), Cichella e Censori (Giulianova).



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabriano - Tante auto senza assicurazione: colpa della crisi Successivo Espulso per aver condiviso video jihadisti: rischia la pena di morte