“Gli amici di Piazza del Popolo” diventano ‘reali’

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Fermo, 17 ottobre 2014 – Circa 80 persone si sono date appuntamento giovedì sera all’oratorio della parrocchia di San Domenico di Fermo per dare vita al primo incontro del gruppo “Gli amici di Piazza del Popolo”, virtualmente creato su facebook da Luigi Rocchi meno di un mese fa.

Per oltre tre ore si sono susseguiti gli interventi dei cittadini, che hanno avuto occasione di confrontare le loro idee per il rilancio del centro storico, tutti uniti dall’indubbio amore per la nostra splendida piazza. Dalla riflessione sulla necessità di perseguire la vocazione turistica, commerciale, ma anche artistica e culturale del nostro territorio, è emerso l’intento di iniziare a lavorare su piccoli progetti concreti e di avviare un coordinamento tra le parti coinvolte (Comune, commercianti, associazioni, contrade…) per creare un vero e proprio “contenitore” attraverso la partecipazione dei cittadini.

Diversi gli interventi di politici locali, che all’incontro hanno partecipato spontaneamente in quanto fermani amanti del centro storico: Luigi Montanini, Maria Antonietta Di Felice e Patrizio Cardinali.

Presenti anche Elvezio Serena di Italia Nostra (con il presidente prof. Elvezio Serena) e il Centro Studi Carducci (con il Presidente Guido Tascini), Bibi Iacopini, Ubaldo Renzi, Carlo Iommi, Daniele Albertini di Caffè Foschi. Tanti i giovani che hanno presentato le loro proposte e suggerito cosa potrebbe portarli di nuovo in piazza.

L’intervento più emozionante? Quello di Arianna, giovane danzatrice 24enne fermana in procinto di trasferirsi per lavoro a Bruxelles. Sogna di tornare e vedere la piazza piena di artisti, musicisti, poeti e scrittori.

Dopo questo primo incontro, l’obiettivo è quello di incontrarsi al più presto per concretizzare un progetto, con il contributo di tutti coloro che hanno davvero nel cuore il rilancio del nostro centro storico!



 

Precedente Riapre il bar dell'ospedale dato in gestione per sei mesi Successivo Macerata, notte choc: con l'auto contro la pattuglia dei carabinieri un militare ferito, lui arrestato