Gli sequestrano l’auto, aggredisce i carabinieri: arrestato e condannato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Orciano (Pesaro e Urbino), 28 luglio 2015 – In preda alla rabbia ha afferrato un arnese in ferro e si è scagliato contro i militari cercando di colpirli. E’ accaduto ieri mattina, verso le 8, a Schieppe di Orciano: il maresciallo della stazione dei carabinieri di Mondavio, Pasquale Castigliego, e un suo uomo, su disposizione del Tribunale di Pesaro, scortano due funzionari dell’Istituto di Vendite Giudiziarie a casa di S.G., 52enne, albanese, residente nella frazione del Comune metaurense con la sua famiglia, per sequestragli l’auto (una Chrysler quasi nuova di grossa cilindrata).

Lo straniero è nel cortile, a pochi passi dalla macchina e appena capisce perché i carabinieri e quegli altri due signori sono lì di fronte a casa sua, perde le staffe, prende una grossa chiave da meccanico e piomba verso di loro con il proposito di colpirli.

Seguono momenti concitatissimi, durante i quali i militari, dopo l’iniziale sorpresa per tanta veemenza, riescono ad immobilizzare l’albanese, alto e grosso, e a mettergli le manette ai polsi, arrestandolo con l’accusa di minaccia aggravata e resistenza, dopodiché lo portano nella cella di sicurezza della loro caserma.

Nelle ore successive al Tribunale di Pesaro si è svolto il processo per direttissima, con la convalida dell’arresto e l’inflizione della pena. Il 52enne, disoccupato, sposato con una connazionale che svolge mansioni come donna delle pulizie (residenti entrambi a Schieppe di Orciano da diversi anni coi loro figli), è stato condannato a quattro mesi di reclusione con sospensione della pena.

s.fr.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Insetto entra nel furgoncino. Autista sterza e si ribalta Successivo Regioni, nuovi vice presidenti Consiglio