Guardia di Finanza, cane antidroga fiuta l’eroina nel campo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Porto Recanati (Civitanova), 16 settembre 2014 – I finanzieri di Porto Recanati hanno arrestato in flagranza di reato un pakistano e scoperto, con l’ausilio dell’unità cinofila, 16 grammi di eroina pura confezionata in dosi, “seminata” in un terreno adiacente all’Hotel House. Fermato anche un soggetto marocchino con 25 grammi di hashish.

L’attività trae origine dal controllo di tutte le aree interessate a fenomeni di spaccio di stupefacenti e viene realizzata attraverso un’attività di bonifica dei terreni attraverso le unità cinofile.

In particolare, durante il monitoraggio della zona adiacente all’Hotel House, con l’ausilio dell’unità cinofila il cane ha fiutato la presenza di sostanza stupefacente nel terreno della pineta adiacente. Così quando poco tempo dopo un soggetto ha iniziato a scavare per recuperarla, nel giro di pochi secondi, lo stesso è stato identificato e sono stati recuperati diversi involucri contenenti sostanza stupefacente. Le ulteriori ricerche dei militari, sempre con l’ausilio del cane antidroga, estese nei terreni in prossimità dell’Hotel House, hanno consentito anche il ritrovamento di una pianta di marijuana.

Le indagini della Guardia di Finanza sono poi proseguite battendo tutta la zona nei pressi dello stesso complesso residenziale. E’ stata così individuata un’autovettura da cui era sceso il conducente che, con fare circospetto, era entrato nel condominio per poi uscirne subito dopo a passo sostenuto. Lo stesso è stato immediatamente fermato dai finanzieri per l’esecuzione di un controllo più accurato. Dal controllo del soggetto risultato di nazionalità marocchina sono stati rinvenuti e sequestrati grammi 24.40 di hashish.



Precedente Calcio Lega Pro, Ancona con Paponi pronta alla trasferta di Teramo Successivo La lite finita con due morti per un debito di 16 mila euro