Guerra dei rifiuti, Castelli porta i decreti della Provincia al Tar

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

AGOSTO SENZA TREGUA per la gestione dei rifiuti: dopo un giovedì bollente, ecco che la giornata di ieri si è aperta con un altro fatto di cronaca. Intorno alle 6, infatti, i Vigili del fuoco di Ascoli sono intervenuti a Relluce, per un incendio che si era sviluppato in una vasca di stoccaggio dei rifiuti, nelle vicinanze dell’impianto di trattamento. I pompieri hanno lavorato per circa tre ore, riportando tutto alla normalità: il ciclo dei rifiuti ha subito solo un leggero rallentamento, visto che l’incendio non ha toccato in alcun modo gli impianti. Più in generale sembra di essere arrivati alla resa dei conti, con un tutti contro tutti che si sostanzia a suon di atti. Da una parte il sindaco di Ascoli, Guido Castelli, ha alzato il tiro annunciando che impugnerà al Tar tutti i decreti emanati da D’Erasmo relativi alla Geta, che solleciterà un intervento diretto del presidente della giunta regionale «che, sono certo, vorrà intervenire per evitare il caos ambientale e per garantire il rispetto della pianificazione regionale in materia di rifiuti» e infine che sarà messa in campo anche un’interrogazione parlamentare. Riguardo alla manifestazione dell’altro giorno, il sindaco di Ascoli ha detto che si tratta «di una presa di posizione che si basa su oggettivi criticità che nascono proprio dalla condotta contraddittoria della Provincia e dell’Ata dei rifiuti rispetto alla gestione della emergenza rifiuti del Piceno».

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Guardacoste Gdf soccorre barca in fiamme Successivo Fabriano - Sagramola, lunedì riprendono i lavori