I cinesi gli copiano le scarpe, Lattanzi s’inventa un colpo di genio

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Fermo, 3 settembre 2014 – Una reazione uguale e contraria. Ovvero, come reagire in maniera fruttuosa a un illecito. Un’azienda cinese ha contraffato, cercando di copiare in tutto e per tutto le sue pregiate calzature, e Silvano Lattanzi ha riposto con la stessa moneta. «Proprio per prevenire questi spiacevoli inconvenienti – ci ha spiegato Paolo, il figlio del maestro artigiano – già da tempo abbiamo provveduto a registrare il nostro marchio in Cina, ma questo non è servito a fermare coloro che hanno cercato di copiare i nostri modelli». «Tentativo maldestro perché basta guardare i dettagli per rendersi subito conto delle differenze – aggiunge Silvano Lattanzi -. Non riusciranno mai a riprodurre i nostri prodotti, ma questa vicenda conferma che l’attenzione e la tutela del made in Italy deve essere massima».

La ditta ha intrapreso le azioni legali per tutelare i suoi diritti, ma contemporaneamente Lattanzi ha architettato un altro colpo da genio: «I contraffattori hanno utilizzato un tipo di calzata tipica dei cinesi – spiega il maestro artigiano -. Allora, ho studiato i modelli copiati dal mercato cinese e a mia volta ho riproposto una scarpa originale Silvano Lattanzi con la calzata che loro ci hanno applicato, piccola e larga». Al di là di questo episodio, il Made in Fermo, originale e di qualità, continua a interessare i compratori cinesi, i quali, pur di avere ai piedi delle scarpe fatte a mano da Silvano Lattanzi, non badano a spese. «La Cina – conclude il figlio Paolo – è per noi un mercato molto importante e in continua crescita, dove operano imprenditori molto capaci e corretti. A uno di loro nel nostro stand abbiamo raccontato questa nostra disavventura e lui ci ha detto di vergognarsi per il comportamento avuto dai suoi connazionali».



Precedente Folli corse con le moto rubate, due minorenni nei guai Successivo Tornano gli scandinavi: 30mila presenze. Turismo culturale fino a metà novembre