I rom traslocano nella zona industriale. «Ignorata la bambina, faremo ricorso»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Civitanova, 14 settembre 2014 – SENZAforzature, ma col pressing di vigili urbani e polizia, eseguito ieri pomeriggio lo sgombero da piazza del Tricolore dalle tre roulotte che lì stazionavano, occupate da rom spagnoli. Tra questi, Maria Gonzales, la mamma della ragazzina dodicenne che da anni frequenta la scuola di via Ugo Bassi. La sentenza con cui il tribunale di Macerata ha deciso che non vi fu discriminazione, ma rispetto della legge da parte del Comune nel negare la residenza alla madre della ragazzina, ha innescato il provvedimento di rimozione dei mezzi da mesi parcheggiati accanto alla scuola. <

br>
I ROM hanno agganciato le roulotte alle macchine e sono stati scortati in via Pirelli, nella zona industriale di Santa Maria Apparente, all’interno di un’area che è stata ieri ripulita dal Comune e dove è stato attivato un allaccio dell’acqua. Starà lì la roulotte della Gonzales, perché il Comune non vuole negare il diritto alla studio alla ragazzina, mentre da stabilire il destino degli altri due mezzi. 
MA LA DONNA non si rassegna: «Il mio avvocato (Daniele Valeri di Ancona,ndr) che mi assiste gratis farà ricorso contro questa decisione del tribunale. Vivo qui da sei anni e sono sempre stata nell’area camper attrezzata lungo la statale, ma là non c’è più spazio e se sono rimasta a Civitanova è solo perché voglio che mia figlia continui a studiare, perché in questa scuola e con i compagni si trova bene. Guardate adesso dove ci hanno buttato. Lontani da tutto, in un posto isolato e per niente sicuro. Come fa la mia bambina ad andare a scuola? I servizi sociali del Comune dove sono? Qui c’è una minorenne che vuole andare a scuola. Perché di questo nessuno si interessa?». A vigilare sul trasloco è stata la comandante della pm, Daniela Cammertoni, mentre per mediare con la Gonzales e convincerla a trasferirsi sono intervenuti i consiglieri comunali Lidia Iezzi e Antonio Colucci, che si erano fatti portavoce dello scontento del quartiere per la presenza delle roulotte in piazza del Tricolore. Dove, da ieri, sono stati posizionati i portali ai due ingressi del parcheggio per impedire in futuro l’accesso alle roulotte. 
«GARANTENDO — ha detto il sindaco Corvatta — una sistemazione nell’ambito del comune, tuteliamo il diritto allo studio di una minore che frequenta le scuole civitanovesi. In merito allo sgombero desidero ringraziare gli abitanti, il comitato di quartiere e i consiglieri comunali di maggioranza della zona, che si sono tutti prodigati con senso di responsabilità. Anche per merito di questa collaborazione e per un’azione sempre ispirata all’equilibrio, alla sensibilità umana ed alla correttezza istituzionale nei confronti di un giudice che doveva decidere, la vicenda alla fine ha trovato uno sbocco positivo per tutti». 
 



Precedente Tenta di baciarla minacciandola col coltello, arrestato Successivo Casa svaligiata e cassaforte smurata ai politici