Il Bolla Rosa, un vino di Montignano per il brindisi tra Obama e Putin

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 29 settembre 2015 - Un brindisi tutto marchigiano per Barack Obama e Vladimir Putin. I due leader politici, all’Onu per il tradizionale pranzo dei capi di Stato e di Governo nel primo giorno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite hanno scelto il Bolla Rosa, uno spumante rosato delle cantine Luigi Giusti di Montignano. Il rosato sparkling è stato servito a Ban, a Obama, a Putin (erano seduti assieme allo stesso tavolo) e agli altri leader intervenuti al pranzo, abbinandolo a un timballino di trota affumicata e cetriolo con emulsione di mango.

Un pranzo che ha il sapore marchigiano, quindi, grazie a queste bolle. E un grandee successo per una cantina piccola, nata da Castelferretti e che poi si è allargata sulle colline dell’Anconetano. E che partendo dall’antica cantina di Castelferretti, ancora utilizzata per la maturazione dei vini imbottigliati, hanno realizzato a Montignano di Senigallia una nuova cantina per la vinificazione delle uve Lacrima di Morro d’Alba. L’azienda coltiva 12 ettari di vigneto Doc Lacrima di Morro d’Alba di proprietà. E, sicuramente, vedere una bottiglia con il suo nome nell’etichetta al tavolo dei leader mondiali, avrà fatto una certa impressione a Giusti. Soprattutto l’emozione di vedere quel brindisi su tutte le tv mondiali e i giornali internazionali. Anche lui, a modo suo, ha fatto un po’ la storia.

Un momento che già di per sé ha fatto la storia, visto che Obama e Putin hanno parlato anche e soprattutto del conflitto in Siria. E pensare che questi discorsi li abbiano fatti sorseggiando un vino proprio della nostra zona, fa un certo effetto.

Non è la prima volta che un vino marchigiano assurge agli onori mondiali delle cronache. Giusto alcuni giorni fa il Pollenza dell’imprenditore dell’Api Brachetti Peretti era stato sorseggiato in occasione della visita del Santo Padre negli Stati Uniti.

I prodotti della nostra terra dimostrano di saper sfondare in un mercato globale perchè sono fatti con la sapienza di chi mette ancora l’anima nei sapori di una volta.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Casa colonica a fuoco nella notte Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano