Il cane San Bernardo resiste all’avvelenamento e mette in fuga i ladri

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Fermo, 27 ottobre 2014 – Due furti andati a vuoto nella notte fra venerdì e sabato nel distretto del cappello. Il primo tentativo a Massa Fermana, nella zona artigianale, già teatro la scorsa settimana della sottrazione di un’auto, fortunatamente ritrovata dopo tre giorni dai carabinieri di Pievetorina. I ladri, secondo una prima ricostruzione, si sarebbero infilati all’interno di un’azienda specializzata nella lavorazione e stiratura della lana sita in via Ada Natali. Dopo essere entrati da una porta secondaria, molto probabilmente hanno narcotizzato i due cani che i proprietari tengono nel giardino e all’interno della struttura.

I ladri sono riusciti ad accedere agli uffici, hanno iniziato a cercare fra i cassetti, ma Natan, un grosso San Bernardo che si è ripreso dallo stordimento, ha iniziato ad abbaiare. I malviventi, visto che il cane iniziava a rivoltarsi contro di loro, hanno preferito allontanarsi. I titolati dell’azienda, che vivono al primo piano dell’edificio e stavano dormendo, sentito abbaiare il cane, si sono alzati, sono scesi di corsa, ma giunti in laboratorio hanno potuto constatare solo che i ladri avevano provato ad entrare negli uffici, senza riuscire a prendere nulla, grazie all’intervento di Natan.

Nella stessa notte, probabilmente la medesima banda di ladri, ha tentato di mettere a segno un altro colpo, visto che il primo era andato male. Questa volta si è recata in via dei Sibillini a Monte Vidon Corrado, area residenziale non distante dal centro storico, dove, usando la solita tecnica, hanno forzato una finestra e si sono introdotti all’interno dell’abitazione, per poi mettersi a cercare nei cassetti e fra gli armadi. Il rumore però ha fatto svegliare il padrone di casa, che si è alzato e questo ha indotto i ladri, anche in questo caso, a scappare senza rubare nulla. Si è trattato del terzo furto che i ladri hanno tentato ai danni della stessa abitazione.



Precedente Sirolo, auto falcia una bicicletta: ciclista in gravi condizioni Successivo Gli aperitivi non fanno il pieno I baristi: «Ripartire dagli errori»