Il Cda dà l’ok all’incorporazione, Quadrilatero Marche-Umbria Spa

quadrilatero

IL BORGHIGIANO FABRIANO IL BLOG DELLE MARCHE – Il Consiglio di amministrazione di Anas, presieduto da Gianni Vittorio Armani, ha approvato il progetto di fusione per incorporazione in Anas della società Quadrilatero Marche-Umbria Spa. L’operazione di fusione – si legge in una nota – si inquadra nel più ampio processo di razionalizzazione e riorganizzazione degli assetti proprietari di Anas, finalizzato ad una maggiore efficienza nella gestione delle attività istituzionali, mediante la razionalizzazione delle sinergie del Gruppo stesso.

«In questo ambito – prosegue la nota – va ricompreso il processo che ha portato lo scorso 30 settembre allo scioglimento anticipato e conseguente messa in liquidazione della società controllata Centralia e alla prevista messa in liquidazione della società collegata Autostrada del Molise Spa». Anas ha avviato una serie di attività propedeutiche all’operazione di fusione per incorporazione di Quadrilatero Marche-Umbria, che hanno portato alle dimissioni dell’intero Cda di Quadrilatero e alla nomina da parte dell’Assemblea degli azionisti, tenutasi lo scorso 30 settembre, di un amministratore unico, il presidente uscente Guido Perosino, cui sono stati affidati «tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione della società e il cui mandato durerà fino al perfezionamento dell’operazione di fusione».

Nel contempo «sono in via di definizione intese tra gli azionisti (Anas, Regioni, Enti Locali e Camere di Commercio) finalizzate alla stipula di un Accordo di programma quadro per stabilire il completamento degli interventi infrastrutturali in corso e previsti dall’intero progetto, nonchè il Piano di Area Vasta». L’intera procedura di fusione dovrebbe completarsi entro il primo semestre dell’esercizio 2016. Notizia riferita dal Corriere Adriatico

credit foto www.lavocedelterritorio.it

Precedente Cassazione: risarcimento per Del Piero Successivo San Benedetto, palloncini rossoblù per dare l'addio a Piersimone Rossetti