Il compleanno senza Aurora, la mamma: "Lei avrebbe voluto vederci felici"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 27 febbraio 2016 – Aurora Stella, la ragazza morta lunedì scorso a causa di una grave e rara forma di miocardite, ieri avrebbe compiuto 19 anni. Ma il destino ha voluto diversamente. E così, a ricordarla davanti ad una fetta di torta, con il sorriso sulle labbra, sono stati i suoi genitori Daniela e Mario, il fratello Valerio, il fidanzato Pietro Paolo, Arianna e Alessia. Mamma Daniela, in particolare, ha voluto ringraziare tutti coloro che mercoledì hanno affollato la chiesa del Cuore Immacolato per salutare la sua piccola Aurora. Una partecipazione incredibile, che raramente si è vista in città. E mamma Daniela ne è pienamente consapevole. «Sono felice che in tanti ci abbiano fatto sentire la loro vicinanza in un momento così delicato – ha spiegato ieri la madre della ragazza –. Aurora era molto introversa e non amava mettersi in mostra. Non avrebbe mai voluto sollevare clamore. Anzi, l’avevo convinta a fare la modella in alcune sfilate proprio per aiutarla a rompere la timidezza. Anche lei sarà stata felice di vedere tutta quella gente in chiesa. Ne sono sicura. Inoltre, a consolarmi sono state molte persone che neanche conoscevo. Ringrazio davvero tutti. Ancora non ci rendiamo conto di cosa è successo. E’ una sofferenza che non auguro a nessuno».

Daniela Massi, poi, racconta come ha vissuto il giorno del compleanno di Aurora. «E’ stata una giornata triste – ha detto –, però l’abbiamo trascorsa con il sorriso, perché lei avrebbe voluto vederci contenti. Adesso Aurora è in pace e per questo motivo non dobbiamo sentirci addolorati. Anzi, mia figlia ha smesso di soffrire, perché non so se sarebbe stata in grado di sopportare le cure alle quali magari si sarebbe dovuta sottoporre in futuro. Di certo non avrebbe più vissuto una vita normale». Daniela Massi è anche un consigliere comunale e il mondo della politica, per qualche giorno, si è fermato. Non capita spesso che un’intera città manifesti la propria vicinanza ad una famiglia in maniera così eclatante.

«In effetti è vero – ha proseguito Daniela –. Dal sindaco Guido Castelli a tutti gli altri amministratori, nessuno ci ha fatto mancare la propria vicinanza. Ringrazio in particolare Marco Fioravanti, che quando io ero ad Ancona ha dormito addirittura insieme a mio marito e mio figlio, facendo loro compagnia. Tutti, però, ci sono stati vicini e, a nome della mia famiglia, li ringrazio uno ad uno». La mamma di Aurora, poi, chiede chiarezza sulla morte della figlia. «I medici di Ancona ci hanno detto che la ragazza era affetta da una forma rara di miocardite, ma attendiamo i risultati dell’autopsia per saperne di più – ha spiegato Daniela –. Vogliamo sapere fino a dove è arrivata la mano del Signore e dove eventualmente si sarebbe potuti intervenire. Magari, capire le cause di questa malattia potrebbe aiutare qualcun altro in futuro». Daniela Massi, infine, ha anche ringraziato il vescovo Giovanni D’Ercole, che nella sua omelia, durante il funerale, ha strappato gli applausi di tutti coloro che hanno partecipato alle esequie. «Ha promesso che ci verrà a trovare e noi lo aspettiamo a braccia aperte – ha concluso la mamma di Aurora –. Il suo sguardo, infatti, ci infonde serenità e pace. Gli vogliamo davvero molto bene».

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ascoli, missione impossibile all’Adriatico contro il Pescara Successivo Fabriano - Bilancio, il sindaco aspetta il verdetto dei giudici