Il Comune di Fano rovina la festa del decennale del Soroptimist

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino) 19 agosto 2015 – La burocrazia guasta la festa del Soroptimist Fano. Sono anni che il club service fanese (che raggruppa una cinquantina di professioniste unite nell’impegno di promuovere azioni per trasformare la vita delle donne realizzando il loro potenziale individuale e collettivo, le loro aspirazioni in modo che possano avere pari opportunità) ha in mente di organizzare per il decennale dell’istituzione che cadrà il prossimo 10 settembre, una grande festa che lasci un segno nella città. L’intenzione del club presieduto dalla professoressa Valeria Purcaro era di offrire in comodato d’uso gratuito all’amministrazione comunale una scultura dell’artista fanese Marisa Lambertini da installare a spese del club in una rotatoria. Ma da quando anni fa il club ha iniziato ad interagire con gli amministratori è stato tutto un cambiare continuamente le carte in tavola. “La mettiamo qui? No lì. Meglio là”. Ora, a pochi giorni dalla cerimonia ufficiale… nulla è stato ancora fatto dal Comune e il club ha dovuto prendere atto che la rotatoria promessa dall’amministrazione precedente non c’è più e ora la statua sarà collocata, dio sa quando, in uno dei giardinetti vicino al club anziani di viale Adriatico.

“Il consiglio direttivo, riunitosi il giorno 11 agosto 2015 – si legge in una comunicazione inviata alle socie – ha deliberato di rimandare a data da destinarsi la celebrazione del decennale della fondazione del nostro club che ricorre il 10 settembre 2015. La decisione è stata presa in quanto il club, pur avendo provveduto a preparare in tempo utile tutta la documentazione necessaria a istruire la pratica relativa all’installazione della statua che la socia scultrice Marisa Lambertini intende donare alla Città e, pur avendo sollecitato ripetutamente l’amministrazione comunale ad espletare le pratiche di sua competenza, a tutt’oggi non vi è stato alcun riscontro in merito. Siamo state costrette, perciò, a prendere questa spiacevole decisione”.

Nel frattempo è arrivata la delibera comunale che accorda al club il nulla osta all’installazione della statua previa espletazione di numerosi adempimenti. Ma ironia della sorte… “E’ da rilevare che l’ufficio dell’ingegnere Lorenzo Zandri che seguirà questa procedura è chiuso nelle due settimane centrali del mese di agosto – sottolinea il direttivo – e pertanto i suddetti espletamenti inizieranno a partire dal 24 agosto”.

E così “Viva la vita” dovrà ancora aspettare, così come la festa del decennale soroptimista. Quella della Lambertini (anche lei socia Soroptimist) è una statua in bronzo a cera persa che raffigura una donna con le braccia aperte rivolte al cielo. E’ solo una delle tante opere della ricca produzione dell’artista fanese la cui fama ha varcato i confini nazionali e che a Fano può essere già ammirata nel giardino interno del comune e nel foyer del teatro della Fortuna.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Marcelli ancora in copertina La festa della musica fa centro Successivo Regali, soldi e droga: i clienti perversi conquistavano così i ragazzi minorenni