Il derby non accontenta nessuno: pari tra Recanatese e Maceratese

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Recanati (Macerata), 7 dicembre 2014 – Un punto ciascuno tra Recanatese e Maceratese, ma le squadre non si sono risparmiate e fino all’ultimo hanno cercato la vittoria. La Maceratese è stata penalizzata anche da una direzione arbitrale che ha lasciato correre su entrate pericolose dei centrocampisti locali e poi i biancorossi hanno faticato ad adattarsi al sintetico per cui la gara è stata condita pure da diversi passaggi sbagliati. La Recanatese non si è mai data per vinta e con Marolda ha tenuto in apprensione la retroguardia ospite.

A Kouko risponde Garcia su punizione e così finisce il primo tempo di un derby che la Maceratese inizia davvero bene. La squadra di Magi sblocca il risultato con Kouko (9’) che addomestica il pallone e calcia sul secondo palo dove Verdicchio non può intervenire. Il pareggio locale arriva su punizione con Garcia che manda il pallone all’incrocio dei pali. Nel mezzo la Maceratese potrebbe raddoppiare e mettere al sicuro il risultato, ma è mancata quella rabbia per trasformare certe opportunità interessanti. E così, per esempio, Ferri Marini (22’) s’allunga la palla per dribblare in area l’avversario e presentarsi davanti al portiere. Ci prova Belkaid dalla distanza ma il giocatore non inquadra lo specchio della porta. La Maceratese non affonda e la Recanatese si rende pericolosa con Marolda (16’) e con Patrizi su angolo (34’). L’arbitro non ammonisce Di Iulio per l’entrata da dietro su Ferri Marini e poco dopo estrae il cartellino giallo a Croce, che

salterà la partita con la Samb essendo in diffida, e da quella punizione nasce il pareggio locale.

A inizio ripresa Belkaid (7’) ci prova dalla distanza, ma non inquadra di un niente lo specchio della porta. Al 10’ bella iniziativa di Marolda che s’infila tra i difensori e calcia senza pensarci due volte, la traversa respinge la palla. La risposta biancorossa arriva un minuto dopo quando Ferri Marini manda un interessante pallone in area che Kouko non riesce a deviare in porta. Al 22’ colpo di testa di Patrizi con la palla che si perde sul fondo per un niente. Maceratese pericolosa con Kouko (25’) che si libera dell’avversario in velocità ma il portiere riesce a respingere la conclusione. Occasionissima per Kouko (38’) il cui tiro finisce di un soffio sul fondo con Bartolini rimasto a guardare anziché cercare di colpire la palla e mandarla in rete. Nel finale Kouko non inquadra lo specchio della porta e l’1-1 non si schioda più.

IL TABELLINO

 

RECANATESE (4-4-2): Verdicchio; Mosconi, Patrizi, Narducci, Brugiapaglia; Pasquini (30’ st Agostinelli Matteo), Di Iulio, Traini, Monachesi; Marolda (37’ st Moriconi), Garcia (28’ st Galli). A disp. Cartechini, Rapaccini, Comotto, Gleboki, Latini, Agostinelli L. All. Amaolo

MACERATESE (4-3-3): Fatone; Cordova, Marini, Garaffoni, D’Alessio; De Grazia, Croce, Belkaid (3’ st Perfetti); Ferri Marini, D’Antoni (21’ st Bartolini), Kouko. A disp. Kizilboga, Cervigni, Lari, Petti, Romano, Benfatto, Lattanzi. All. Magi

Arbitro: Di Gioia di Nola

Reti: 9’ Kouko, 44’ Garcia

Ammoniti: Croce, Monachesi, De Grazia, Patrizi,, Traini, Verdicchio

 

Lorenzo Monachesi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Guerra dei decibel ​Sigilli alla discoteca Successivo Pergola, successo per la "Cioccovisciolata"