Il Jazz Club torna rinnovato, collaborazione con Puglia Sound

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 9 gennaio 2016 – Nuovo avvincente calendario di appuntamenti per gli appassionati di jazz. A partire da giovedì 14 gennaioe  fino al 7 di aprile prende il via, infatti, la prima parte della stagione del Jazz Club

Si tratta dei primi concerti del 2016 organizzati da Fano Jazz Network che ha archiviato un 2015 entusiasmante con oltre 50 concerti,  265 musicisti provenienti da tutto il mondo e oltre  20.000 presenze nelle varie iniziative: Fano Jazz By The Sea; le rassegne Jazz ‘in  provincia e Jazz Club; Rocca in Jazz e i concerti Gospel. “Numeri che accompagnano anche il traguardo dei 20 anni di attività di Fano Jazz – commenta Adriano Pedini, suo fondatore - che, per la sua longevità e le proposte musicali, è diventato uno dei Jazz Club più importanti d’Italia. Ed ora di nuovo il Jazz club, tradizionale cartellone invernale con gli appuntamenti del giovedì  con una rassegna che continua a puntare sui giovani e dedicata al miglior Jazz Italiano”. 

A salutare questa prima parte che si snoderà da gennaio ad aprile un nuovo importante protocollo d’intesa: quello con Puglia Sound che investe per  promuovere musicisti e progetti  pugliesi.  Sede dei concerti sarà ancora una volta l’Osteria del Caicco, in via Arco d’Augusto 53b, con la quale si rinnova una proficua collaborazione. 

E dunque il via alla stagione giovedì 14 gennaio (ore 21,30), con Dario Carnovale New Quartet, featuring Pietro Tonolo. Una formazione che vede, oltre al giovane leader (Dario Carnovale al piano);  Pietro Tonolo al sax; Lorenzo Conte al contrabbasso e Giancarlo Bianchetti alla  batteria. Questo  nuovo progetto del pianista Dario Carnovale nasce dal desiderio di tornare a rileggere le composizioni che hanno fatto la storia del jazz. 

Giovedì 28 gennaio, in collaborazione con Puglia Sound, imperdibile concerto con Andrea Sabatino Hammond Quartet. La formazione capitanata da Andrea Sabatino alla tromba, comprende Gaetano Partipilo (sax alto); Bruno Montrone (organo Hammond) e Giovanni Scasciamacchia (batteria). Si tratta di un nuovo quartetto capitanato dal virtuoso trombettista Andrea Sabatino, dove il linguaggio bop e del jazz moderno si fondono. 

Giovedì 4 febbraio 2016 (ore 21.30), sarà la volta del Riccardo Arrighini New Trio. Nella più classica formazione del jazz al Caicco vedremmo all’opera Riccardo Arrighini (piano); Mirco Capecchi (contrabbasso); Daniele Paoletti (batteria).  Con questa formazione Arrighini ha inciso ben 8 cd, quasi sempre sue composizioni, a sottolineare la sua esigenza di attingere ciclicamente alla sua naturale ispirazione  per tentare nuove strade e crescere. 

Giovedì 18 febbraio in scena sarà il Bartoli-Bedetti-Frattini Trio che proporrà il progetto Custom set up by myself (suite per un orto sinergico ). Il trio Stefano “ Bedo “ Bedetti (sax); Roberto Bartoli (contrabbasso) e Marco Frattini (batteria) propone un fortunato incontro fra tre personalità di spicco del jazz italiano che si concretizzerà in una proposta di jazz contemporaneo con una perfetta fusione di linguaggi fra tradizionale ed innovativo.

Giovedì 3 marzo altro progetto in collaborazione con Puglia Sound: Kekko Fornarelli Trio e la presentazione del disco “Outrush “. Si esibiranno al Caicco: Kekko Fornarelli (piano); Giorgio Vendola (contrabbasso); Dario Congedo (batteria).  Kekko Fornarelli è uno degli artisti italiani più apprezzati del panorama jazz  attuale.  Pianista e compositore, si distingue per uno stile unico, suadente alchimia che fonde in un equilibrio raffinato una esclusiva molteplicità di elementi sonori, contaminazioni e visioni. 

Giovedì 17 marzo, in collaborazione con Puglia Sound, Mission Formosa, formazione internazionale con Giuseppe Bassi (c.basso); Kuan Liang Lin (batteria);  Gaetano Partipilo (sax);  Francesco Lento (tromba); Shen Yu Su (sax); Mike Tseng (piano). La band si propone di percorrere un ponte culturale che unisce l’Italia a Taiwan, nella “Missione” di raccontare le infinite bellezze che accomunano e distinguono i due paesi

Giovedì  7 aprile ultimo concerto con Chili Vanilla, trio internazionale che vede schierati: Synne Sanden  (voce); Steffen Grandy (tuba) e Siv Oyunn Kjenstand (batteria).  Chili Vanilla è una band ricca di contrasti, un misto di potere e giocosità. La loro musica può essere descritta come avanguarde-pop,  da improvvisazione e paesaggi sonori cacofonici a groove  accessibili. 

La rassegna fa parte del circuito Marche Jazz Network ed è organizzata con  il Patrocinio del Comune di Fano, e con  il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività culturali. 

Info: Osteria Del Caicco, ingresso con Drink  Card: intero  15 euro ridotto a 10 per possessori MJC. 
Prenotazione/info: Fano Jazz Network 0721 803043; cell: 342 0601568 –  WhatsApp 345 8499947 

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Lui non rispetta il patto di lasciare la moglie. L'amante gli trasforma la vita in un inferno Successivo Ricciatti, Punto nascite Fabriano al top