Il mare infuriato si mangia la spiaggia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 27 novembre 2015 – Sarà un duro inverno. E il primo assaggio di freddo nordico ce lo ha annunciato. La mareggiata di questa notte (fra giovedì e venerdì), con forte vento di bora, s’è mangiata un’altra fetta di spiaggia, arrivando fino agli stabilimenti balneari.

Pietre e calcinacci in zona Canottieri, la spiaggia di Ponente ridotta a poca cosa, la zona di Sottomonte, dai Gelsi fino all’ultimo stabilimento, come al solito raggiunta e sormontata dalle acque (nonostante le protezioni), fino ad invadere la ciclabile e i sottopassi.

Ovunque danni, rifiuti, forte erosione. A parte la spiaggia libera protetta dalla duna naturale, dove il mare ha trovato libero sfogo.

Nonostante il freddo polare e il vento impetuoso, c’è chi non ha rinunciato a fare il bagno: come Mario Drera, 68 anni, un habitué.

Anche ieri il mare in burrasca ha spiaggiato diverse tartarughe morte: tre quelle recuperate dalla Capitaneria di porto di Pesaro, ma ce ne sono altre.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ragazzi rubano per fare festa, folle inseguimento a 160 chilometri all’ora Successivo Macerata, rettore di Unimc chitarrista jazz Tutto esaurito per il concerto al Pozzo