Il palas fa acqua, le foto. Scattano le verifiche

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova, 12 marzo 2016 – Piovono gocce d’acqua dal tetto del palasport, la partita di play off che la Lube sta giocando contro il Latina viene interrotta e per Civitanova sono diciassette minuti di figuraccia (foto) in diretta su Rai Sport 1. C’è irritazione a palazzo Sforza per il danno di immagine che, nonostante la gestione dell’impianto non sia del Comune, ricade tutto sull’ente pubblico. A gestire la struttura è infatti la società Palace.

«Il problema – spiega Giuliano Ginnobili, che della srl è responsabile – si era manifestato già venerdì scorso e avevamo avvertito la Rubner, la società che ha realizzato la copertura in legno e che aveva incaricato una sua ditta di fiducia di effettuare il sopralluogo e le riparazioni necessarie. I tecnici sono intervenuti e sembrava tutto risolto, invece si sono verificate nuove infiltrazioni. Domani alle 9.30 (stamattina, ndr) torneranno. Se non troveranno il difetto, sostituiranno il comparto difettoso. È tutto in garanzia e quindi nessun costo né per la Palace né per il Comune».

Il sindaco Corvatta era al palasport a vedere la partita e ha assistito in diretta al guaio. «Quelle che ho – dice Tommaso Corvatta – sono notizie indirette, perché la gestione del palasport non è nostra, ma della Palace. So che martedì erano intervenuti i tecnici della ditta che ha montato il tetto e avevano assicurato che il problema era stato risolto. Sono stati richiamati ed è stata avvertita anche la Rubner. Si tratta comunque di un’infiltrazione provocata dall’assestamento della struttura in legno che risente dei cicli del caldo e del freddo. Ci saranno altri sopralluoghi e speriamo che gli interventi siano risolutivi».

L’acqua ha provocato lo stop momentaneo della gara di play off, alla fine ripresa e vinta dalla Lube per 3-2, ma con il contributo essenziale ‘dell’uomo della goccia’, come definito da Andrea Lucchetta, una gloria del volley nazionale e commentatore d’eccezione Rai della gara, perché a ogni time out e cambio campo, con grande olio di gomito, provvedeva all’asciugatura della piccola pozzanghera sul taraflex.

Sul web però si è scatenata l’ironia, anche dei maceratesi, che il trasloco della Lube sulla costa non lo hanno ancora digerito.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Raffica di furti, bloccata anche una ragazzina di 16 anni incinta Successivo Un bebè per l'olimpionica, la Zacchilli è mamma