Il Porto canale è quasi prosciugato: barche appoggiate sulla melma

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 6 gennaio 2015 – UNA SECCA così, al porto di Pesaro, non s’era mai vista. Ieri all’ora di pranzo, chi si trovava sulla Calata Caio Duilio o dall’altro lato, sulla sponda del Club Nautico, se n’è reso conto. In certi punti l’acqua era del tutto prosciugata, fino a lasciare alcune barche letteralmente appoggiate sul fango.

Il fondale non è mai stato esagerato in fondo al canale, all’altezza della fontana della Foglietta per intenderci, ma ieri si è raggiunto un livello quasi inesistente. I primi ad accorgersene sono stati i membri del Chica Boba II, rientrati in porto per pranzo: «Mentre mangiavamo sotto coperta ci siamo accorti che ci stavamo inclinando, tanto che a un certo punto la bottiglia del vino è caduta – racconta stupito Michele Cinquepalmi -. Siamo usciti e visto lo spettacolo: la prua del Polimor, ormeggiato a fianco a noi, di fronte alla Lega Navale, era praticamente fuori dall’acqua. E più giù, verso la città, la situazione era disastrosa: i lumachini scartati dai pescatori erano una specie di tappeto sulla melma».

PERCHÉ sia successo è difficile dirlo ma nel primo pomeriggio, davanti a una buona moretta, gli abituée del Club Nautico parlavano solo di questa anomalia, poi migliorata in serata: “E’ noto che a gennaio ci sono basse maree più accentuate a causa della luna piena e, in questo caso, anche dell’alta pressione anomala per il periodo – fa notare Cinquepalmi, veterano del mare -. Poi, la nuova imboccatura del porto, più protetta, tende a mantenere di più al suo interno i detriti. La fognatura in fondo al canale invece non c’entra».

 

 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Falconara, esplode bancomat: residenti svegliati dalla "bomba" Successivo Camionista ubriaco picchia due carabinieri: arrestato