Il preside Mazzocchi va in pensione

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 1 settembre 2015 – Da stamattina un pezzo di storia cittadina lascia la dirigenza per sopraggiunti limiti di servizio. Il preside Alfredo Mazzocchi dell’Its ‘Mazzocchi’ ha salutato tutto il personale in una commovente atmosfera che ha coinvolto tutti.

Un preside benvoluto da tutti, come dimostra il messaggio che il personale della scuola gli ha rivolto per salutarlo: «Le qualità umane mostrate nel corso degli anni, segno di una grande sensibilità e disponibilità verso gli altri, frutto della scelta di porre in risalto la centralità della persona e la costruzione dei rapporti, si abbinano alla dedizione, l’impegno, l’attaccamento all’istituto e alle istituzioni. Nella lunga carriera si è dimostrato un dirigente lungimirante e innovatore, trasformando nel corso degli anni il proprio istituto attraverso una serie di tappe evolutive che ne hanno fatto una scuola di spicco e di avanguardia.

Ha consentito di creare una rete di rapporti inter-istituzionali col territorio locale, nazionale ed internazionale, col mondo universitario e della ricerca, convinto assertore dell’importanza dell’Unione Europea e degli scambi interculturali. Divenuto punto di riferimento per l’intero ambiente scolastico, inteso come una grande famiglia, grazie alla competenza e all’esperienza espresse, l’Its ‘Mazzocchi’ ha saputo affrontare insieme a lui i momenti difficili e quelli esaltanti dei tanti riconoscimenti ricevuti. Nel dare il benvenuto al nuovo dirigente, il professor D’Amato, tutto il personale esprime l’augurio che il patrimonio di umanità e professionalità che il professor Mazzocchi rappresenta continui ad essere una grande risorsa per il mondo della cultura, dell’istruzione e della formazione dei giovani in ossequio al motto dell’istituto: ‘Progredire, conservando’. Ad maiora, caro preside».

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Controlli polizia in uffici postali Successivo Ancona, la prostituta clona l'assegno del mister. La moglie di lui scopre il salasso