Il prezzo della bellezza

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 10 gennaio 2016 – Accendete le ruspe, si riparte. Prima via Ceci, poi via dei Tibaldeschi, via Cesare Battisti e un pezzo di via Giudea. Anche il 2016 lo vivremo così, con i cantieri che vanno e vengono per il centro della città, tra polemiche che non mancano mai e disagi che per un po’ sembrano insopportabili. Ma alla fine il risultato è quello sotto gli occhi di tutti, cioè indiscutibilmente bello. Il rifacimento del centro è senza dubbio il motivo principale per cui l’amministrazione Castelli sarà ricordata.

E per lo stesso motivo sarà anche maledetta da chi i lavori li ha dovuti invece subire e li ha vissuti sulla propria pelle. Come quei commercianti che si ritrovano con strade pedonalizzate e in effetti pochissimo frequentate. Da una parte c’è l’interesse generale, quello di rendere ancora più bella una città già bellissima, dall’altro ci sono tanti interessi particolari (come quelli dei commercianti, appunto): il primo prevale giustamente sui secondi, ma la sfida del 2016 deve essere anche quella di fare il possibile per trovare un punto d’incontro ed evitare che il prezzo della bellezza sia per qualcuno troppo alto.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Quel fermento ritrovato Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano