Il proprietario è sotto la doccia. E i ladri gli svaligiano la casa

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Belforte (Macerata), 21 gennaio 2016 – Ladri in casa mentre la proprietaria cucina e il figlio si fa la doccia, a Belforte. Approfittano invece dell’uscita di un dipendente dal capannone di Della Ceca Infissi, a Tolentino, per rubare una Golf Gtd mentre il padrone è a lavoro. E a Casette Verdini di Pollenza finiscono nel mirino due appartamenti dello stesso condominio, quando però all’interno non c’è nessuno. Continua l’ondata di furti.

Martedì sera i malviventi si sono scatenati nell’entroterra. Tra le 18.20 e le 18.30, stando alle registrazioni delle telecamere di videosorveglianza, hanno fatto sparire la macchina nel piazzale della nota azienda tolentinate di infissi, in via Sacharov. Andrea Della Ceca, il proprietario della Golf di colore grigio scuro, metallizzata e targata EA784HF, ha fatto la spiacevole scoperta solo alle 20, quando è uscito dallo stabile per salire in macchina. Ha subito lanciato un appello su Facebook e un contatto (389/4988002) affinché i concittadini potessero aiutarlo: «Probabilmente l’hanno utilizzata per fare furti o l’hanno smontata per rivendere i pezzi – spiega Andrea -. Ho sporto denuncia in caserma. L’auto è stata avvistata alle 19 nella zona dell’Hotel 77, in viale Buozzi, con a bordo due uomini».

Verso le 20.15 invece un colpo è stato messo a segno in un’abitazione a tre piani di Belforte, i cui proprietari hanno uno storico panificio in paese. Non è provato che tra i due furti ci sia un legame, perché non è stata vista l’auto su cui sono fuggiti i ladri. Essendo madre e figlio in casa, l’allarme era disattivato e, senza scrupoli, i malviventi hanno agito mentre loro erano dentro.

«Non appena mio figlio è entrato in bagno – racconta la donna – sono entrati in azione. In pochissimi minuti, hanno messo a soqquadro la mia camera da letto e portato via oggetti d’oro (per il valore di qualche migliaio d’euro) a cui ero molto legata e un cappotto di mia figlia. Per entrare in casa si sono arrampicati da un balcone all’altro e hanno forzato le finestre, danneggiando gli infissi. E’ stato meglio forse che non ci siamo accorti di loro».

Hanno capito di essere stati derubati solo quando il figlio, uscito dalla doccia, ha trovato la stanza della madre sottosopra. A Casette Verdini hanno fatto visita a due famiglie. Dopo aver scassinato le porte, i ladri hanno approfittato dell’assenza dei proprietari per arraffare due orologi di marca e denaro contante. Il danno non è stato ancora quantificato.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabbri (Pd), Governo mantiene impegno Ap Successivo Baci hard alla figlioletta sotto la doccia Papà sotto accusa per abusi sessuali