Il regista jesino Mattioni incanta l’India

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Jesi, 15 febbraio 2016 – Il regista jesino Gianfrancesco Mattioni protagonista in India insieme al Teatro Verde di Roma con cui ha portato in tournèe all’Ishara International Puppet Festival di New Delhi lo spettacolo “Bravo, Bravissimo!” in anteprima internazionale.

Direttore artistico dell’ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, nato a Castelbellino in provincia di Ancona il 30 novembre 1953, Mattioni aveva già sbancato l’Oriente vincendo a Bangkok con lo spettacolo, sempre del Teatro Verde, “Una volta c’era un Re… diesis – Once upon a time” premiato come “Best puppet musical cabaret award” all’Harmony World Puppet Carnival (il più importante festival di marionette e burattini al mondo).

Quest’anno ha rappresentato l’Italia in India, all’Ishara International Puppet Festival 2016 che si è svolto dal 5 al 12 febbraio nelle tre città di New Delhi, Guargaon e Chandigarh. In scena lo spettacolo “Bravo, Bravissimo!” di Andrea Calabretta, con la regia di Gianfrancesco Mattioni (qui anche attore nel ruolo del direttore del teatro dei burattini), e con la direzione artistica di Veronica Olmi, figlia dell’attore jesino Corrado Olmi.

Lo spettacolo nasce dalla collaborazione, iniziata nel 2008, tra il Teatro Verde e l’ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata (nato nel 1993 proprio su input di Mattioni con Silvano Fiordelmondo e Diego Pasquinelli), due Compagnie storiche tra le più antiche del panorama del teatro di figura e del teatro ragazzi italiano, che da oltre 30 anni operano in maniera continuativa con oltre 200 repliche l’anno e decine di spettacoli in repertorio.

Hanno sostenuto l’iniziativa l’Istituto Italiano di Cultura di New Delhi, patrocinio di Unima Italia (Union International de la Marionnette).

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Riqualificazione del Ballarin: ecco i sette progetti per il futuro Successivo Bimbo ucciso dalla madre, la donna all'ex: «Piuttosto che darti Giosué lo uccido e mi ammazzo»