Il turismo va e anche la città fa il pieno

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 19 gennaio 2015 – Il turismo cresce. Alla faccia anche di un’estate passata sotto la pioggia. Oltre settemila persone in più rispetto al 2013 hanno scelto di trascorrere almeno un giorno di vacanza dalle nostre parti. I dati del 2014, peraltro relativi solo ai primi 10 mesi e diffusi con imperdonabile ritardo dalla Regione, dicono chiaramente che il Maceratese non perde, anzi aumenta la propria attrattività. Crescono gli arrivi (317.490 contro 310.430 nel 2013), ovvero il numero effettivo delle persone ospitate nelle varie strutture, e anche le presenze (2.001.825 contro 1.970.008), cioè le notti trascorse in hotel, b&b, agriturismi e via dicendo. L’altra buona notizia è che anche la città ha il segno positivo: 29.436 arrivi nel 2014 contro 26.797 nello stesso periodo del 2013, 174.220 presenze l’anno scorso contro le 165.731 di due anni fa. Merito del richiamo di palazzo Buonaccorsi? O della stagione lirica che incrementa costantemente gli spettatori, compresi quelli stranieri? Difficile individuare le cause, ma i numeri dicono che il trend di crescita si è intensificato dai mesi estivi in poi.

Diverso il discorso per quanto riguarda la costa, indubbiamente penalizzata proprio dall’estate maledetta. Eppure Civitanova può sorridere perché sono cresciuti sia gli arrivi che le presenze. Ed è andata bene anche nei mesi della spiaggia. A risentire invece delle piogge sono state Porto Recanati e Potenza Picena: la prima, regina provinciale del turismo balneare, ha tenuto sul fronte degli arrivi (praticamente uguali a quelli del 2013), mentre ha perso in termini di presenze; la seconda, invece, ha un doppio segno negativo. In chiaroscuro il bilancio di Recanati: oltre duemila arrivi in più, ma circa quattromila presenze in meno.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Monte San Vito, ladri armati di coltello all’assalto delle abitazioni Successivo Ucciso per una maglietta, i Ris cercano prove a Chiaravalle