In 600 al rinnovo del battesimo immersi nel mare di Lido di Fermo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 22 luglio 2015 – Un gesto semplice eppure infinito, l’acqua che scivola sulla testa, mente sorge il sole, per una promessa che si rinnova. È il battesimo che si compie ancora una volta, per mano del parroco don Peppe Mei, nella messa che si tiene all’alba, ormai da tre estati, di fronte allo chalet Grillo di Lido di Fermo. Per l’edizione di quest’anno erano oltre 600 le persone arrivate per assistere alla celebrazione e per ripetere il rito del battesimo.

Don Peppe racconta come è iniziato tutto: «Ero stato in Terra Santa, amo visitare posti significativi e realizzare documentari. Il mio lavoro sulla Giordania è finito anche su Rai 3, alla trasmissione ‘Alle falde del Kilimangiaro’. Sarei voluto tornare in Terra Santa per rivedere il rito del battesimo sul fiume Giordano, ma poi hanno ricominciato a sparare e non ce l’ho più fatta. E, allora, ho pensato di portare qui quel rito, di rinnovarlo da noi».

Il fiume non c’è, ma in compenso c’è il mare e il gesto di fede è lo stesso: «Abbiamo cominciato tre anni fa, la prima mattina c’erano circa 300 persone che, tra l’altro, quel giorno si erano svegliate dopo una scossa di terremoto. Quest’anno le persone che hanno partecipato erano veramente tantissime. Sono arrivati anche da lontano, sono rimasti finché non è finito tutto, con grande partecipazione». La formula è semplice e diretta: “Ricordati che sei battezzato”. Una volta un amico musulmano mi disse che noi cristiani spesso dimentichiamo la nostra fede, non crediamo molto nelle nostre cose, nei riti. Per questo, ci è parso importante rinnovare le promesse, ricordare il battesimo con la consapevolezza degli adulti».

«Proviamo a riscoprire le radici della nostra fede – conclude don Peppe -, nel mese di luglio a Lido di Fermo arriva anche gente da fuori e si sta tutti insieme, nella gioia di un momento bello. Tra l’altro, il sole che sorge è l’immagine della luce, di Dio, l’acqua è quella del battesimo, non manca nulla». Nazario Luzi, titolare del Grillo, ha sposato l’iniziativa con grande sensibilità e con la forte fede che lo sostiene, il risultato è un momento di grande suggestione che nessuno dimenticherà mai e che è destinato a diventare un momento di fede fisso dell’estate fermana.

 

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano- Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano