Inaugurata la stele con i nomi del ‘Grande Torino’

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 18 gennaio 2015 – Grande raduno dei Fedelissimi Granata di Pesaro, con in testa il presidentissimo Mario Patrignani. Questa mattina hanno inaugurato una stele commemorativa di fianco al monumento per il Grande Torino, all’ingresso dell’AdriaticArena. Un omaggio ai caduti di Superga del 4 maggio 1949, poche ore prima di Cesena-Torino.

Si sono radunati quasi 500 persone in rappresentanza del popolo granata, numerosi i Toro clubs, oltre a quelli marchigiani, anche abruzzesi, umbri, romagnoli, emiliani, lombardi e naturalmente piemontesi, compresi i gruppi della curva Maratona di Torino.

A rappresentare la società granata il direttore generale Antonio Comi; poi gli ex giocatori del Toro, Eraldo Pecci, Alessandro Bonesso, Mario Barbaresi.

Per l’amministrazione comunale, che ha concesso lo spazio per la realizzazione delle opere in memoria del Grande Torino, presenti il sindaco Matteo Ricci, «beccato» per la sua fede calcistica juventina e l’assessore allo sport Mila Della Dora, già arbitro e guardalinee.

Patrignani e il sindaco hanno tolto il drappo granata alla stele realizzata dall’architetto pesarese Leone Podrini che è alta 2 metri e mezzo con stampata la foto a colori dello squadrone di Superga con i nomi elencati. Quindi il trombettiere Marco Matteucci della banda di Candelara ha suonato «il silenzio».

Diversi gli interventi tra cui quello di Mario Patrignani che ha elencato i nomi che appaiano nella stele: «Inizio dalle riserve Fadini, Operto, Bongiorni, Schubert, Grava, Dino Ballarin, Martelli; poi i titolari Bacigalupo, Aldo Ballarin, Maroso, Grezar, Rigamonti, Castigliano, Menti, Loik, Gabetto, Mazzola e Ossola. Uno squadrone imbattibile, il più forte al mondo entrato non nella storia, ma nella leggenda. Non vogliamo vivere di ricordi, ne tanto polemizzare con l’attuale dirigenza, perchè per noi il Toro è e resta una fede».

«Ora – ha concluso Patrignani -, dopo il monumento e questa bellissima stele dedicati al Grande Torino, manca a Pesaro soltanto, “via gli Agnelli da Torino”». Per il pranzo i tifosi del Toro hanno scelto il ristorante «L’Artista», che ha nun titolare interesita, soprannominato ‘Kalle’, dal grande Rumenigge. Poi tutti allo stadio Manuzzi di Cesena per tifare Toro.

di Luigi Diotalevi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Senigallia, non ha la patente e scappa in auto dai carabinieri Successivo Giovane, bella e ladra aggancia gli anziani e li deruba