Incidente in superstrada, gravissima 21enne di Cartoceto

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 10 novemrbe 2015 – I soccorritori le hanno dato una chance, facendole ripartire il cuore che si era fermato per circa venti minuti. Ora una comunità intera spera che quel giovanissimo corpo reagisca con forza e vigore al suo dramma. E’ ricoverata in gravissime condizioni al Torrette di Ancona Selena Cani, 21enne di Cartoceto, vittima ieri pomeriggio di un tremendo incidente lungo la superstrada Fano-Grosseto.

Erano circa le 13 quando la sua auto, ferma in mezzo alla strada, è stata centrata da un’Audi A3 condotta da un 31enne di Montefelcino, che trovandosela inaspettatamente di fronte non è riuscito ad evitarla. In quel momento Selena era seduta al posto di guida, sola in auto, parlava al cellulare con il soccorso stradale, che dall’altro capo del telefono è stato testimone dell’incidente. Poco prima, infatti, la ruota anteriore sinistra dell’Opel Zafira condotta dalla ragazza era scoppiata e lei aveva provato a raggiungere la piazzola di sosta più vicina, trascinando l’auto avanti su tre ruote ed il cerchione. Ma ad un certo punto non è più riuscita a proseguire la marcia. L’auto si è inchiodata sulla corsia di destra della superstrada, in direzione Urbino, poco prima dell’uscita per Lucrezia, in corrispondenza dell’Area di servizio Torno che si trova dall’altro lato della strada.

Solo all’ultimo momento D.L., il 31enne di Montefelcino che sopraggiungeva in auto dalla stessa direzione, si è accorto che quella Zafira blu non procedeva piano ma era proprio ferma lungo la statale 73bis che non ha una corsia di emergenza. “Non ho fatto in tempo ad evitarla” ha detto sotto choc ai soccorritori. L’ha centrata in pieno, facendola rigirare su se stessa e accartocciandola tutta. Dentro, incastrata ed incosciente, Selena. Così l’hanno trovata i sanitari del 118 immediatamente giunti sul posto. Sono stati loro ad estrarla dalle lamiere contorte, ancor prima che sopraggiungessero i Vigili del Fuoco, utilissimi a dare il cambio al medico in quei lunghissimi 20 minuti di massaggio cardiaco sul petto della 21enne. “Quando il cuore ha ripreso a battere è stata un’emozione fortissima – ha detto uno dei pompieri – perché di solito, dopo tutto quel tempo, gli sforzi sono vani. E invece questa volta speriamo…”. Lungo la carreggiata bloccata per diverse ore tra Bellocchi e Lucrezia, è atterrato Icaro (l’eliambulanza) che dopo quel miracolo operato dai soccorritori ha trasportato la giovane all’ospedale regionale. Sul posto per i rilievi di legge la polizia stradale di Fano.  

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente I lavori all’Accademia di Belle Arti di Urbino svelano le abitazioni abbattute secoli fa Successivo «Case popolari pagate in nero». In Consiglio spunta una lettera anonima