Indesit, vertenza a Roma senza il ministro Zanonato

IL BORGHIGIANO 2013

Fabriano (Ancona), 16 luglio 2013 – ASSENTE, in quanto impegnato in Parlamento, il ministro allo Sviluppo economico Flavio Zanonato al secondo round del tavolo nazionale sulla vertenza Indesit, a Roma. Al momento dello start non è presente in Ministero nemmeno il presidente dell’azienda Marco Milani, mentre altri dirigenti della holding di elettrodomestici sono regolarmente sul posto assieme ad una robusta delegazione degli esponenti del sindacato. A coordinare i lavori il sottosegretario De Vincentis.

Dopo il nulla di fatto di due settimane fa, il confronto si annuncia sempre assai complesso in quanto a chi chiede di ritirare il piano dei 1.425 esuberi nei siti italiani (di cui 480 nella sola Fabriano dove è annunciato in chiusura lo stabilimento di Melano), dal management aziendale la risposta continua ad essere quella di rispettare il progetto originario che prevede anche 70 milioni di euro di investimento in tre anni sul solo suolo nazionale, ribadendo che non ci saranno licenziamenti. Dal canto loro, invece, i sindacati tornano a chiedere la netta e sostanziale modifica al progetto originario in quanto non si accontentano del paracadute degli ammortizzatori sociali per un’azienda che ha chiuso il 2012 con 62 milioni di euro di utile e che dunque non può essere assolutamente considerata in crisi.

Alessandro Di Marco (IL RESTO DEL CARLINO)

Precedente La Tares sarà una bomba. Pizzeria Ko, banca graziata..... Successivo Le Marche restano a piedi. Niente Eurostar Ancona-Roma