Intitoliamo una via di Fabriano ad Abramo Galassi

Abramo Galassi

Ha preso ufficialmente il via, con la lettera inviata al Sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola, l’iniziativa del Rotary Club Fabriano di intitolare una via al compianto Prof. Abramo Galassi.
Di seguito il testo.

Egregio Signor Sindaco,
il Rotary Club di Fabriano ha avuto per tanti anni come Socio il Prof. Ing. Abramo Galassi.
La figura di quest’uomo crediamo sia di particolare rilievo nel panorama della recente storia della Città.
Abramo Galassi è stato insegnante e per anni molti giovani fabrianesi hanno appreso il suo insegnamento, lo spirito dell’intraprendere, l’esigenza dell’impegno, il senso del dovere e del servizio.
Abramo Galassi è stato imprenditore di grande iniziativa e capacità, iniziando ed innovando prodotti che hanno consentito la crescita di una grande industria con stabilimenti in Fabriano, in Italia e nel mondo.
Abramo Galassi è anche stato Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, mettendo in questo impegno di servizio tutto il suo amore per favorire lo sviluppo e la crescita del territorio di Fabriano.
Abramo Galassi è stato infine sempre impegnato a sostenere la Città di Fabriano con i suoi personali contributi a favore di iniziative varie nel campo sanitario, dell’arte e del sociale.
Il Rotary Club di Fabriano ritiene che la figura e l’opera di quest’uomo meritino un giusto riconoscimento e certi di interpretare anche il consenso dei familiari e della cittadinanza si permette di proporre al Comune di Fabriano di voler dedicare una via della città ad Abramo Galassi.
Confidando in un benevolo accoglimento e nel ringraziarLa anticipatamente per quanto andrà a predisporre, in attesa di un cortese riscontro, Le inviamo i nostri migliori e più cordiali saluti.

Maurizio Marchegiani
Presidente
Rotary Club Fabriano

FONTE http://www.rotaryfabriano.it/news.php

Precedente Quei danzatori magnifici della Parsons Dance Successivo Ladri nel laboratorio di analisi. Cartello per i balordi: «In cassa non c’è niente»