Invasione di zanzare all’ospedale. E i più colpiti sono mamme e bimbi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli-Piceno, 12 maggio 2015 - E’ allarme zanzare all’ospedale ‘Mazzoni’. Il fastidioso insetto sembra infatti non dare tregua da diversi giorni ai degenti, tant’è vero che decine e decine sono state le segnalazioni di protesta recapitate alla direzione sanitaria del nosocomio da parte. I più colpiti sembrano essere stati i piccoli pazienti del dipartimento materno-infantile, con bambini dal corpo letteralmente coperto di punture. Stessa sorte, in molti casi, è toccata alle mamme che hanno fatto assistenza ai propri figli. Insomma, una situazione insostenibile che ha spinto genitori e parenti a reclamare piuttosto vivacemente affinché la direzione dell’Area Vasta 5 prendesse al più presto un provvedimento. Quello delle zanzare, a dire il vero, ha rappresentato sempre un problema per la struttura ospedaliera per via del fatto che è stata costruita sopra un’area particolarmente acquitrinosa. Proprio per questo motivo, durante l’anno è previsto un programma di disinfestazione nel giardino che prevede 19 trattamenti larvicidi e 12 adulticidi, più quelli straordinari con cadenza settimanale necessari durante l’estate quando la presenza delle zanzare è ovviamente maggiore o, come in questo caso, quando il caldo arriva prima e all’improvviso. La lotta antilarvale prevede l’utilizzo di insetticidi chimici o biologici che, posti in tutti i luoghi in cui vi è presenza d’acqua quali tombini, caditoie, ristagni, permettono di bloccare lo sviluppo delle larve impedendone la crescita. Quella adulticida, invece, prevede dei trattamenti che servono a contenere la presenza degli insetti adulti in aree circoscritte con la distribuzione di bassissime quantità di formulati insetticidi piretroidi.

«Dopo le segnalazioni – dice Giancarlo Viviani della direzione medica di presidio – ci siamo attivati, già dalla fine del mese di aprile, chiedendo alla ditta addetta alla disinfestazione di risolvere in qualche modo il problema. Per il dipartimento materno-infantile, da dove ci arrivano la maggiore parte delle lamentele, stiamo procedendo con l’acquisto di dispositivi anti-zanzare da mettere in tutte le stanze del reparto di pediatria. Si tratta di lampade cattura insetti e di erogatori spray. Inoltre – continua Viviani – è nostra intenzione contattare l’ufficio tecnico del Comune per programmare una disinfestazione in sinergia. Questo perché se viene fatta una bonifica solo nell’area interna dell’ospedale e non fuori le zanzare inevitabilmente in breve tempo tornano. Purtroppo sotto l’ospedale c’è un ristagno incredibile di acqua e questo comporta una grande concentrazione di insetti. Chiediamo scusa a tutti i degenti per la spiacevole situazione, ma stiamo provvedendo affinché tutto si risolva».



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Ladri acrobati si arrampicano sulle grondaie Successivo Colpa dei piselli, incidente sulla superstrada