Italpannelli, la nube tossica spaventa ancora. I sindaci chiedono esami

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancarano (Teramo), 31 marzo 2016 – Resta altissima la preoccupazione per gli effetti della mega nube tossica creata dall’incendio all’Italpannelli (FOTO) e i sindaci di alcuni Comuni ascolani fanno sentire la loro voce per avere maggiori delucidazioni rispetto ai pericoli per l’ambiente e per la salute

Si tratta dei primi cittadini dei Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale 23, Appignano del Tronto, Castignano, Castorano, Castel di Lama, Colli del Tronto, Offida e Spinetoli, che hanno chiesto al Dipartimento provinciale Arpam di Ascoli Piceno che i territori che amministrano siano inclusi fra quelli da analizzare, tramite campionature, esami e monitoraggi, e di essere costantemente informati sui risultati. 

«La nostra preoccupazione e quella di un’intera vallata – scrivono i sindaci in una nota congiunta – riguarda il reale effetto che questa nube di fumi, derivante da combustione di materiali industriali, possa, eventualmente, aver provocato nell’aria, nell’acqua, nei suoli, sulle culture biologiche e non, e sugli allevamenti nel nostro territorio».

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente A San Benedetto il ministero invia 3,4 milioni di euro. Ma non si esulta Successivo Malore fatale mentre gioca a carte con gli amici: tragedia al circolo di Piediripa