Jesi, furti nel cuore della movida: denunciato uno dei ladri

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Jesi (Ancona), 31 luglio 2015 – Nuovo furto ai danni di un negozio, lo stesso derubato appena due settimane prima, ma le telecamere e un’impronta incastrano il ladro: si tratta di un 22enne di origini siciliane, ma residente in Vallesina, con diverse denunce per reati contro il patrimonio. E’ stato denunciato per furto e danneggiamento dal locale commissariato di Jesi, dopo complesse e articolate indagini, ed è stato richiesto per lui anche una misura cautelare che sarà il giudice a decidere.

Sarebbe l’autore, probabilmente con uno o due complici, di almeno cinque dei colpi messi a segno o tentati nei giorni scorsi in città tra sabato e lunedì scorsi: sua l’impronta nella veranda della Trattoria della Fortuna, così come il volto ripreso dalle telecamere del vicino Hemingway Caffè. Una spaccata con la mazza e lo scalpello da muratore, nel cuore della movida che ha fruttato appena duecento euro. Nella stessa notte assaltata, infruttuosamente, «Pizza & Co» dentro il centro commerciale Il Torrione. Suo anche il furto commesso poco prima dell’assalto al cuore della movida, nel pomeriggio di sabato nel negozio «L’Arrotino», in via Colocci dietro il centro commerciale Il Torrione: lo stesso negozio da cui aveva rubato i machete il Kaboko jesino l’estate scorsa. Nel caso del siciliano trafugata in pieno giorno, una valigetta con una decina di coltelli che il giovane, alla disperata ricerca di soldi, avrebbe anche cercato di rivendere.

Anche qui, sfondata la vetrata laterale, stavolta con i piedi si era dileguato nel nulla. Non è escluso che il 22enne con precedenti di polizia, possa essere anche l’autore di alcuni dei furti in appartamento, denunciati negli ultimi giorni. Sarebbero invece da attribuire agli altri componenti della banda gli altri furti messi a segno e tentati in piazza Allende e alla Rosa Nera di viale della Vittoria, negozio colpito due volte in appena due settimane. Un incubo per i commercianti che si dicono fortemente preoccupati: alla «Rosa Nera» di viale della Vittoria sono tornati (il primo colpo tra il 9 e 10 luglio) nella notte tra martedì e mercoledì, sempre attorno alle 3: forzata la porta, rubati dalla cassa una trentina di euro per lo più in monete, danneggiate alcune piante: «Non sappiamo più cosa fare – lamenta la titolare Maria Bastari – ci sentiamo abbandonati. A questo punto metteremo la videosorveglianza, visto che in certi casi è utile. E’ una spesa che dovremo fare, ma serve anche l’intervento del Comune in questa zona buia e abbandonata». E intanto proseguono con buoni esiti le scrupolose indagini del locale commissariato per incastrare anche gli altri componenti della banda che per giorni è stata l’incubo della città.

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Denunciati 6 studenti per 40 gr hascisc Successivo Fabriano - Borgo, raid dei vandali macchine danneggiate