Jesi, zuffa e bottigliate davanti al bar: un ragazzo finisce all’ospedale

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Jesi (Ancona), 3 agosto 2015 – La festa degenera in zuffa e bottigliate. Parapiglia sabato sera, poco dopo le 21,30, davanti al bar tra via San Giuseppe e via Garbaldi, poco distante dalla chiesa: un ragazzo residente in Vallesina finisce al pronto soccorso.

Complice l’alcol alle stelle, prima dentro poi davanti al locale, si sono presto formate due fazioni: insulti a sfondo razziale, albanesi da una parte e italiani dall’altra. Parole pesanti, minacce poi spintoni e abbandonato ogni freno inibitore il lancio delle bottiglie: allertata la polizia accorsa con una volante sul posto a placare gli animi.

«Ero in casa ho sentito qui davanti delle urla sempre più forti, insulti in italiano ma anche parole a me sconosciute forse in albanese – riferisce un residente –. Mi sono affacciato e ho visto bottiglie rotte a terra, un gran movimento di persone. Non capivo cosa stesse accadendo, poco dopo è arrivata la Polizia e ha portato via due persone. C’è da aver paura anche se era da tempo che non si verificavano risse qui in zona».

Uno dei giovani coinvolti nella zuffa è stato portato dagli amici al pronto soccorso dell’ospedale Carlo Urbani, ha riportato alcuni traumi oltre ai postumi della gran quantità di alcol nel sangue, ma è stato dimesso con pochi giorni di prognosi.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente P.Picena, venditori abusivi in spiaggia Negoziante presenta esposto in Procura Successivo Chiaravalle, il video-scherzo finisce in tragedia: precipita dal trattore e muore a 28 anni