JP Fabriano: il trapasso di un cadavere vivente!

JP1

JP Fabriano: il trapasso di un cadavere vivente!
(31 Luglio 2016)
jp
Il Partito Comunista dei Lavoratori esprime tutto il suo sdegno per gli annunciati 400 licenziamenti che colpiranno i lavoratori dell’industria guidata dal sindaco manager Giovanni Porcarelli figlio del modello politico e sociale che per troppi anni ha governato il nostro territorio. La perdita di cosi tanti posti di lavoro aggraverà ancora di più la difficile situazione del nostro territorio completamente devastato dalla più grande crisi a sfondo capitalistico mai vista. Come forza politica di opposizione e antagonista al potere, facciamo appello a tutte quelle poche realtà della sinistra radicale che della salvaguardia dei posti di lavoro e del tema più in generale, dovrebbero fare un modello di vita su cui costruire la propria militanza e concentrare il proprio impegno quotidiano. Per anni in questo distretto non si è più parlato e messo al centro del dibattito la questione lavorativa, per noi punto di svolta per la costruzione di una battaglia politica che porti alla cacciata di chi sta distruggendo il futuro di miglia di lavoratori e delle loro famiglie, le prospettive dei nostri figli, contro chi sta azzerando i diritti conquistati dai nostri padri e dalla classe operaia vera arma per la tutela della democrazia protagonista delle lotte degli anni 70. Un classe che allora sapeva prendere le distanze da quei personaggi delle burocrazie partitiche e sindacali venduti alle ragioni del padrone a discapito della lotta dei lavoratori. Ma la più grande rivendicazione, nello stato debole della classe lavoratrice, da poter contrapporre al braccio armato del padrone, contro i governi a guida PD-Belusconi, contro ogni forma di illusione legati al grillismo e al populismo che esso rappresenta, per noi è solo una: o si sta dalla parte dei lavoratori, o si sta contro di essi!

Su questo principio noi cercheremo di spronare i lavoratori della JP ad unirsi in una comune lotta per alzare le barricate contro i licenziamenti, per uno sciopero generale ad oltranza in tutti i stabilimenti del gruppo che crei le condizioni immediate per il blocco della poca produzione esistente, delle merci in entrata ed uscita uniche armi da poter contrapporre a questa macelleria sociale. Ricordiamo ai sindacati e soprattutto alla Fiom-Cgil che il terreno della lotta non può di sicuro essere il tavolo in regione, o gli uffici dei vari assessori, ma è la tutela concreta della fabbrica e dei macchinari in essa per mezzo dell’occupazione e lo stato di agitazione permanente elementi fondamentali per poter coordinare e gestire la lotta,contro ogni forma di concertazione al ribasso. A ragione di ciò, come unica forza politica di opposizione nel comune di Cerreto d’Esi alla giunta Porcarelli, se non verranno ritirati i licenziamenti, fin da subito chiediamo le dimissioni del Sindaco e dell’intera maggioranza per un motivo molto semplice ed elementare: il lavoro è un diritto e se tale è va tutelato e protetto. Un primo cittadino dovrebbe esserne il garante della dignità legata al posto di lavoro, non il protagonista di un nuova annunciata tragedia. Per noi del PCL è evidente un palese conflitto di interesse spiegabile con una breve espressione: gestione della collettività solo esclusivamente per fini personali e del proprio portafoglio. Siamo ancora più convinti che solo la presa di coscienza e del potere dei lavoratori nelle fabbriche e nelle istituzioni pùò cercare di ridare equilibrio ad una crisi ormai ingestibile e difficilmente recuperabile. Per noi le ragioni del mondo del lavoro verranno prima di tutto. Chiunque si troverà dalla parte opposta alla nostra sarà un nemico da isolare e sconfiggere.
Partito Comunista dei Lavoratori – sezione di Ancona

Precedente Pokemon, la storia di un disoccupato ora pagato per giocare Successivo San Benedetto, stroncata da malore mentre cammina sulla battigia