FABRIANO JP INDUSTRIES: IL GOVERNO RISPONDE COME SE FOSSE ANTANI -Di Patrizia Terzoni-

PatriziaTerzoni M5S
L’On. Patrizia Terzoni M5S

allega8_big

Il sottosegretario De Vincenti ha risposto a una interrogazione presentata da alcuni Deputati del PD sulla questione della Antonio Merloni. Premetto alcune cose:

1. ritengo molto grave il fatto che non siano state accorpate tutte le interrogazioni presentate in materia dai vari gruppi come da prassi dando una risposta in aula anzichè in Commissione

2. ritengo molto grave il fatto che a rispondere non si sia presentato direttamente il Ministro per una questione così importante

3. l’interrogazione dei deputati PD era la solita interrogazione fatta per lanciare un assist al Governo per permettergli di rispondere senza dire niente. Il quesito era: “quali iniziative immediate intenda attivare in relazione alle vertenze dell’ex Antonio Merloni e JP Industries per evitare che questa situazione devastante generi effetti irreversibili sulla coesione sociale ed economica delle due regioni.”

Una situazione devastante che ricordo in gran parte è stata provocata proprio dai commissari inviati dal Governo.

La risposta del sottosegretario è ben riassunta nel titolo del comunicato stampa diffuso dai Parlamentari PD:

“GOVERNO AL LAVORO PER ARRIVARE PRESTO AD UNA SOLUZIONE”.

Bene…quindi?

Nel comunicato si legge che:

Il Governo sta lavorando affinché nel più breve tempo possibile si possa arrivare ad una soluzione complessiva della vicenda ex Merloni e Jp Industries. 

Nella sua risposta, il vice ministro ha affermato che è in corso la definizione del contenzioso giudiziario tra l’Antonio Merloni in amministrazione straordinaria e gli istituti bancari creditori che, dopo le sentenze del Tribunale e della Corte di Appello di Ancona che hanno accolto le richieste del pool di banche, ha di fatto annullato la cessione alla Jp Industries degli stabilimenti umbro-marchigiani della ex Merloni. Inoltre il vice ministro De Vincenti ha affermato che sono in via di soluzione le problematiche tra i commissari e la Jp Industries e che ciò consentirebbe di riprendere appieno l’attività e di garantire un futuro ai 700 dipendenti riassunti.

Il vice ministro ha inoltre affermato che la recente entrata in vigore della normativa in materia di aiuti alle imprese in esenzione per il periodo 2014-2020 permetterà l’emanazione del decreto attuativo del D.L. 83/12, in tema di aggiornamento e ridefinizione dell’intervento ex L. 181/89, finalizzato, tra l’altro, a ridurre gli elementi di rigidità del precedente regime; la nuova disciplina consentirà di riproporre con maggiore efficacia l’operatività dell’intervento nazionale, anche nell’ambito di una rimodulazione dell’accordo di programma. Inoltre c’è da considerare anche la legge del 21 febbraio 2014 n. 9 che ha convertito in legge il D.L. “Destinazione Italia”, con la quale è stata considerata legittima la vendita di aziende in esercizio nell’ambito di procedure di amministrazione straordinaria; attualmente pende il giudizio in Cassazione contro la sentenza di appello proposto dai commissari, dal Ministero e dall’acquirente.

Per loro questa è una risposta e ringraziano.

fonte PATRIZIATERZONI.IT

Precedente FABRIANO - Cittadella dello sport pedonale, un coro di 'no' Successivo Montegranaro, due auto a fuco nella notte