La Banca dell’Adriatico apre i forzieri: in mostra i tesori dell’arte

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Pesaro, 30 settembre 2014 – La Banca dell’Adriatico apre la sede di via Gagarin alla bellezza sabato 4 ottobre, dalle 9.30 alle 19.30, mettendo a disposizione del pubblico le proprie collezioni d’arte. All’interno del Centro direzionale saranno esposte oltre 130 opere tra dipinti e sculture che vanno dal XV al XX secolo, con molti capolavori di autori contemporanei che testimoniano l’attenzione della banca per il territorio e la sua cultura.

L’iniziativa rientra in “Invito a Palazzo. Arte e storia nelle banche”’, la manifestazione promossa per il tredicesimo anno consecutivo dall’Associazione Bancaria Italiana durante la quale le banche mettono in mostra i tesori che raramente si possono ammirare fuori dalle sedi degli istituti.

All’interno di questa iniziativa si inserisce come evento speciale l’esposizione ‘I gioielli ritrovati’ con alcuni pezzi inediti realizzati dall’artista pesarese Giovanni Gentiletti. Si tratta di 19 gioielli, soprattutto collier e spille, realizzate tra gli anni ’80 e ’90 in lamina d’oro, argento e rame lavorati con la tecnica dello sbalzo e cesello, che la famiglia Gentiletti ha trovato nell’atelier dopo la morte dell’artista.

Alle 17.30 si terrà una presentazione della mostra a cura di Jacqueline Cerasoli, storico e critico d’arte.“Banca dell’Adriatico é onorata di potersi muovere verso il mondo dell’arte perchè rappresenta le nostre radici, ma è anche uno strumento per andare verso il cambiamento. Attraverso la cultura noi possiamo trovare la strada del nostro futuro” ha detto il presidente di Banca dell’Adriatico, Giandomenico Di Sante.

Sabato 4 ottobre si rende pubblico nella fruizione un luogo che ha un richiamo forte all’arte e al valore – dichiara il vice sindaco Daniele Vimini – Cercheremo di dare il massimo risalto a questo genere di iniziative per riuscire a promuovere la ricchezza di questo territorio”.



Precedente Furto alla Lega Navale, bottino da 6mila euro Successivo Lettere anonime contro il vescovo, Farneti: "Campagna denigratoria"