La banda del buco colpisce ancora, settimo raid in due settimane

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Grottammare, 23 ottobre 2015 – Nuovo colpo della banda del buco ai danni di una tabaccheria. L’altra notte è toccata alla rivendita di tabacchi «Eldorado» sulla Valtesino di Grottammare, subito dopo il ponte dell’autostrada A 14. Il bottino è superiore ai 30 mila euro. Si tratta della settima impresa criminosa tra quelle andate a segno e quelle fallite. Il malvivente, ripreso dalle telecamere, è rimasto nella tabaccheria per circa tre ore, dalle 2 alle 5 ed ha lavorato costantemente in ginocchio per non far scattare il sistema d’allarme. Stando ai movimenti che compiva, forse, dalla parte opposta del buco praticato sulla parete confinante con un edificio in costruzione, c’era ad assisterlo un complice. Il ladro ha operato con il volto coperto dal maglione che indossava, tirato sul viso, sul quale aveva praticato due fori all’altezza degli occhi e per tenerlo bloccato sulla testa ha utilizzato una torcia da speleologo. Questa volta il buco è più grande del solito e fatto a circa un metro d’altezza dal pavimento. Di sicuro opera di una persona che conosceva bene il luogo dove muoversi, perché si è spostato sempre in ginocchio eludendo accuratamente le zone dove sarebbe stato intercettato dai rilevatori dell’allarme. Con calma ha svuotato il registratore di cassa, dove c’era una somma piuttosto interessante, poi ha iniziato con le sigarette, i gratta e vinci e man mano portava la refurtiva attraverso il buco. Poco prima dell’alba ha smesso di lavorare e di lui si sono perse le tracce. Il colpo è stato scoperto ieri mattina al momento in cui la titolare si è recata ad aprire l’attività. Delle indagini si stanno occupando i carabinieri della locale stazione in collaborazione con i colleghi del nucleo operativo della compagnia di San Benedetto. Gli investigatori dell’arma, ipotizzano che possa trattarsi di qualcuno che, con la stessa tecnica, ha messo a segno una litania di furti tra Senigallia e Falconara, dove, da qualche giorno, il fenomeno sembra essersi interrotto. La tecnica è simile a quella di altri colpi avvenuti a San Benedetto, ma non uguale. I furti col buco andati a segno sono 5: tre in tabaccheria, uno nel negozio di telefonia Punto 3 di via Curzi, uno alla banca di Ripatransone in via Valtiberina a Porto d’Ascoli, due quelli andati a vuoto, alla tabaccheria Loggi, in zona S. Filippo Neri e l’altro alla tabaccheria di via Piemonte, dove i ladri non sono riusciti a sfondare la parete. Marcello Iezzi

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Schianto tra un'auto e un furgone, grave una donna di 45 anni Successivo Cingoli, schianto tra un'auto e un furgone: grave una donna