La bandiera Pd ha una macchia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Carlino borghigiano

Fermo, 30 novembre 2014 – Il Pd vanta un deputato (Petrini) e un senatore (Verducci), da pochi mesi anche un presidente della Provincia (Cesetti è tornato al vecchio amore), governa egregiamente a Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio, dove i giovani sindaci Franchellucci e Loira, dopo qualche sbandata iniziale, hanno una squadra compatta, e stanno per rientrare alla guida di Sant’Elpidio a Mare, togliendosi la soddisfazione di essere ‘richiamati’ da Terrenzi.

Nella bandiera del partito, però, accanto a tutte queste medaglie di merito, c’è una macchia nera: Fermo. Dove da decenni il Pd non esprime politici di peso e non riesce a mantenere il consenso popolare nemmeno quando, come in questa legislatura, parte con un pieno rassicurante di voti. Indipendentemente da come andrà a finire l’ennesima crisi aperta in questi giorni, resta come dato di fatto oggettivo questa incapacità di fondo.

Il destino di Nella Brambatti non dipenderà dalle lotte interne (già iniziate) per le candidature alle regionali, ma dalla poca forza che l’unione comunale del capoluogo ha nella geografia del partito e, di conseguenza, nella coalizione. Molti (opportunisti) ‘senatori’ hanno già preso le distanze dal sindaco e i giovani sono ancora più deboli del previsto. Hanno alzato tanto la voce quando volevano liberarsi di Buondonno, sono tutti diventati renziani della seconda ora, ma non hanno rottamato un bel niente. La verità è che sono controllati e guidati dai soliti burattinai, qualcuno come Bagalini inconsapevolmente, qualche altro, come il segretario provinciale e consigliere comunale Nicolai, forse coscientemente.

Alla fine chi decide sono sempre Petrini e i porto-elpidiensi, Verducci e i collinari, ed ora Cesetti e i montegiorgesi (alias Sforza). A loro della Brambatti gliene importa fino a un certo punto, a difenderla ci sono rimasti Luigi Montanini e, forse, Sandro Vallasciani in un partito che ha perso quasi del tutto la componente ex Margherita (l’unico petalo è quello ingiallito della Ortenzi).



 

Precedente Vaccini, la verità necessaria Successivo Tolentino, aggressione choc coppia di anziani a passeggio pestata a freddo da un giovane