La città che protesta: rifiuti in ordine sparso

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 11 gennaio 2015 – C’è una città che protesta. A Muraglia c’è Leonardo Carnaroli che da tempo non ne fa passare una all’amministrazione comunale, che pure ha le radici in quel quartiere: «La magnifica amministraazione, dopo le valigie dimenticate dalla befana, le lampade e tubi al neon, i bidoni dell’olio fritt in piazza alfieri a Muraglia e a Villa San Martino, la cultura pesarese va in Cina e poi lascia che i bimbi dell’asilo nido vedano a livello di rifiuti l’impegno di Renzi per la buona scuola. Con materassi e altri rifiuti addossati ai cassonetti. La buona educazione è anche parcheggiare un Tir sul marciapiede sul ponte di via Guerrini a Muraglia. Ho chiamato i vigili urbani chissà se ha potuto rilevare un bel carico di “Kultura”».



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Renzi rimanda la sua visita: domani non sarà a Fano Successivo «C'è un bimbo nel cassonetto», ma era un bambolotto che piangeva