La conferma dell’autopsia sul corpo di Ciferri: “E’ suicidio”

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Ascoli Piceno, 22 ottobre 2014 – Questo pomeriggio, nell’obitorio dell’ospedale Mazzoni di Ascoli, è stata eseguita l’autopsia di Gianluca Ciferri, l’imprenditore edile fermano trovato morto impiccato lunedì all’alba nella cella del carcere di Marino del Tronto dove era richiuso con l’accusa del duplice omicidio di due operai kosovari che lamentavano il mancato pagamento di stipendi arretrati.

Secondo quanto trapelato dall’esame autoptico, disposto dal sostituto procuratore Umberto Monti ed eseguito dal medico legale Sabina Canestrari, non sarebbero emersi elementi tali da mettere in dubbio l’ipotesi del suicidio. Ciferri è stato trovato impiccato alla grata del bagno della cella con una corda ricavata annodando lenzuola e federe. In questo senso anche la lettera scritta dall’uomo alla madre: un testo nel quale l’imprenditore chiedeva scusa per il gesto che stava per compiere, e scriveva: “Vado a ricongiungermi con papà”. Il magistrato ha disposto la restituzione della salma alla famiglia.



Precedente Bimbo di sei anni colpito alla testa dallo specchietto dell'auto mentre attraversa: ferito Successivo Imprenditore suicida, vescovo visita detenuti