La crisi economica manda in tilt i bagni pubblici

Bagni pubblici di Fabriano

Bagni pubblici di Fabriano

Fabriano, 13 gennaio 2013 – LA SPENDING REVIEW del Comune mette in crisi i bagni pubblici municipali la cui fruibilità negli ultimi giorni è praticamente minima. Residenti e soprattutto turisti polemizzano in particolare per quelli posizionati in piazza Garibaldi e sotto il loggiato San Francesco da inizio anno quasi sempre chiusi.

“Non è possibile – si lamenta il consigliere comunale del Pdl, Slvano D’Innocenzo – che in due zone centralissime i servizi non sia mai aperti. Mi sono pervenute tantissime segnalazioni in proposito e fa specie che una città che ambisce a proporsi come turistica si perda in un caso come questo”.
Dal canto suo il sindaco Giancarlo Sagramola ammette che il problema esiste. “Fino alle scorse settimane – afferma il sindaco – avevamo due appalti in essere: uno per la custodia delle due strutture in questione, un altro per i bagni del parco di viale Moccia. Dopo le polemiche dell’opposizione in consiglio comunale sui costi della manutenzione, si è deciso di chiudere il contratto con la società che gestiva i servizi al loggiato e in piazza Garibaldi. Abbiamo così chiesto all’altra impresa di coprire temporaneamente tutti le tre strutture, ma è chiaro che non sempre riesce a farlo e a volte i bagni restano chiusi. In ogni caso è allo studio un progetto per il riassetto di tutti i tre servizi per i quali va ripensata anche il servizio di gestione e manutenzione quotidiana. I turisti si lamentano? Li capiscono, ma è anche vero che bar ed esercizi pubblici sono tenuti a consentire l’utilizzo dei propri bagni a chi ne fa richiesta”.

a.d.m.

_____________________________________________________________________________________________

Libero-Subito

I commenti sono chiusi.