La Fiera dei record: oltre centomila visitatori. La piaga dei venditori abusivi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 4 maggio 2015 – Ultimo giorno per la festa patronale di San Ciriaco iniziata con il primo di maggio. Superate le 100.000 presenze, l’organizzazione Blu Nautilus si dice soddisfatta. Il tempo bello ha portato molti a preferire alla gita fuori porta, un giretto tra le oltre 460 bancarelle che da corso Garibaldi si sviluppano per oltre un chilometro, arrivando al Monumento ai Caduti in fondo al Viale della Vittoria.

Il fenomeno dei venditori abusivi, secondo i commercianti, è stata invece l’unica pecca. Molti i controlli effettuati dalle forze dell’ordine ma, come hanno lamentato gli stessi ambulanti, rivolti nei confronti di chi era in regola con la licenza. «Condividiamo questa critica nei confronti dei venditori abusivi – ha fatto sapere la Blu Nautilus -. Ma come organizzatori non possiamo né abbiamo i mezzi per dissuadere questo fenomeno se non segnalandolo alle autorità competenti».

Anche questa mattina sono state tantissime le persone che hanno preso d’assalto le bancarelle e che si sono fermate nei punti ristoro confermando la volontà di voler vivere sia la città che l’evento. Molti i commercianti che, al contrario degli anni passati, hanno scelto di rimanere anche nell’ultimo giorno di Fiera a dimostrazione di come l’evento abbia avuto successo.

Nella mattinata, presso la Mole Vanvitelliana, si è svolta invece la cerimonia di consegna delle civiche benemerenze in occasione della Festa del Santo Patrono di Ancona, San Ciriaco. La cerimonia dei ‘Ciriachini’, a cui hanno preso parte le massime Autorità religiose, civili e militari, è stata preceduta dalla deposizione di un mazzo di fiori alla tomba del Santo e seguita dalla Santa Messa in Cattedrale.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Balordo aggredisce la titolare di un bar ​a Marotta e le strappa la borsa con l'incasso Successivo Caschi e guanti neri in auto, sospetto ‘black bloc’ fanese denunciato a Bologna