La Maceratese cala il poker e ritrova la vittoria

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Carlino borghigiano

Macerata, 30 novemvre 2014 – La maggior qualità della Maceratese fa la differenza e così i biancorossi tornano alla vittoria dopo i pareggi con Chieti e Matelica (FOTO). Il successo non fa una grinza con i padroni di casa che strappano applausi ai tifosi anche per gol di splendida fattura. Uno su tutti: il tiro al volo di Croce che da posizione decentrata manda il pallone a infilarsi sul palo più lontano. Il Castelfidardo comunque non è dispiaciuto e certamente non è all’Helvia Recina il posto ideale dove prendere punti salvezza, ma la squadra di Mobili ha le carte in regola per centrare la salvezza.

Il primo tempo si sblocca al 35’ quando D’Antoni sfrutta nel migliore dei modi la deviazione di un difensore, su assist di Belkaid, freddando il portiere con un preciso tiro sul primo palo. La prima frazione di gioco è piacevole con le due squadre che non si tirano indietro rendendosi pericolose. I biancorossi si fanno vivi dalle parte del portiere al 24’ quando Anadiegwu anticipa di un soffio D’Antoni che al 29’ non inquadra di poco lo specchio della porta con un tiro dal limite. Nel finale ci prova Belkaid il cui forte tiro si perde sul fondo per un niente e al 45’ quando il portiere ospite sbroglia la matassa bloccando il pallone nell’area intasata. Il Castelfidardo si fa vivo in attacco con Cavaliere che in entrambe le circostanze (21’ e 41’) non inquadra specchio porta

Inizio ripresa con il Castelfidardo che spinge sull’acceleratore e per un minuto, o quasi, la palla non vuole sapere di uscire dall’area, ma alla fine i difensori riescono ad allontanare la minaccia. All’8’ la Maceratese potrebbe chiudere la pratica con Ferri Marini la cui apertura favorisce D’Antoni, il suo pallonetto finisce sopra la traversa. Al 10’ applausi per Kouko che entra in area, dribbla un avversario e calcia con il portiere che si rifugia in angolo. È una Maceratese in crescita, il gol è nell’aria e arriva al 12’ quando D’Antoni dalla destra crossa al centro per Ferri Marini la cui deviazione di testa non lascia scampo ad Anadiegwu. La Maceratese potrebbe triplicare con Kouko che perde l’attimo per calciare a rete, ma il pallone resta attaccato ai piedi dell’attaccante e così l’esterno serve per l’accorrente Belkaid che non inquadra lo specchio della porta. Splendida palla per De Grazia, ancora una volta tra i migliori, che si butta nello spazio quando viene atterrato da Cervellini mentre gli stava arrivando la palla. L’arbitro indica il dischetto e Kouko fa centro spiazzando il portiere. La Maceratese non si ferma e al 27’ cala il poker con Croce che calcia al volo l’assist di Kouko, esecuzione perfetta e il playmaker biancorosso manda il pallone a insaccarsi sul secondo palo.

I TABELLINI

MACERATESE (4-3-3): Fatone; Cordova (36’ st Lari), Marini, Capparuccia, D’Alessio; De Grazia (39’ st Grassi), Croce, Belkaid; Ferri Marini, D’Antoni (28’ st Perfetti), Kouko. A disp. Moscatelli, Petrone, Maroni, Tortelli, Lattanzi, Bartolini. All. Magi.

CASTELFIDARDO: Anadiegwu; Cervellini, Labriola (9’ st Pretini), Strano, Belelli; Urbinati, Carboni; Bonifazi (9’ Sbarbati), Tassi, Cavaliere (34’ st Simoncelli); Staffolani. A disp. Recchiuti, Fermani, Ciccioli, Dell’Aquila, Taddei, Grottini. All. Mobili

Arbitro: Saggese di Rovereto

Reti: 35’ D’Antoni, 12’ st Ferri Marini, 23’ st (rig) Kouko, 27’ st Croce

Lorenzo Monachesi



 

Precedente FABRIANO - Sorpreso con la droga un 22enne Successivo FABRIANO - Baby vandale, l'avvocato: «Le ragazze sono pentite»