La Maceratese soffre ma vince. Romano stende l’Amiternina nel finale

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Macerata, 12 ottobre 2014 – La capolista soffre, fatica, ma continua a correre. La vittoria della Maceratese contro l’Amiternina, la quinta in campionato, stavolta si concretizza nei minuti finali per merito di Romano, e vale oro, perché arrivata al termine di una prestazione meno brillante di altre.

Squadra al di sotto delle sue possibilità, meno brillante e nella quale si è sentita l’assenza di Kouko. Dopo le schermaglie iniziali, il primo brivido vero arriva al 37′ ed è di marca ospite: Carrato ci prova da 25 metri e va a sbattere sulla traversa. Sessanta secondi dopo l’occasionissima è per la Maceratese: Romano ruba palla a Mariani a metà campo e vola verso l’area avversaria, dove, dopo aver superato un altro difensore, spara proprio sui piedi di Di Fabio, che respinge. Al 41’ Ferri Marini ci prova a pochi metri dalla porta ma un difensore respinge sulla linea.

La Maceratese continua a faticare anche nella ripresa, Magi sostituisce prima Belkaid e poi D’Antoni per Storani e Bartolini. L’Amiternina va vicina al gol al 26′, quando D’Alessandris chiama Fatone alla grande parata. Quando ormai il pareggio sembra l’epilogo più logico, arriva la svolta: lancio lungo dalle retrovie al 41′, Romano ruba il tempo a Santilli e batte Di Fabio centrando l’angolino. Gol decisivo, punti pesanti e biancorossi che mantengono due punti di vantaggio sulla Samb.

 

Il tabellino

MACERATESE (4-4-3): Fatone; Cordova, Marini, Garaffoni, D’Alessio; Croce, Romano, De Grazia (47’ st Tortelli); Belkaid (12’ st Storani), D’Antoni (24’ st Bartolini), Ferri Marini. All. Magi.

AMITERNINA (4-5-1): Di Fabio; Rausa, Valente, Santilli, Mariani; Carrato, Di Paolo, Marcotullio (18’ st Lenart D.), Gizzi (34’ st Lenart L., Scordella (21’ st D’Alessandris), Torbidone. All. Nappo.

Arbitro: Palermo di Bari Rete: 41’ st Romano.

Note: spettatori 1.200 circa; ammoniti Croce, Marini, Gizzi, Rausa, Mariani, Di Paolo; angoli 9-3.



 

Precedente Quale città vogliamo? Successivo Calcio, la Civitanovese gioca a tennis