La Pac: il tartufo fresco delle Marche è un prodotto agricolo. Tassazione dimezzata

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Ancona, 5 novembre 2014 – “Il riconoscimento dei tartufi freschi come prodotto agricolo nella nuova Pac è, per le Marche, un’ottima notizia. La nostra è una terra ricca e generosa, i nostri tartufi sono apprezzati in tutto il mondo. Grazie all’innovazione normativa introdotta dalla Pac i produttori italiani e quindi, i tanti produttori marchigiani, possono accrescere la propria competitività internazionale e vincere, con l’abbattimento della tassazione, la concorrenza straniera sui mercati esteri”. E’ quanto ha affermato il presidente della regione Marche, Gian Mario Spacca, in riferimento alla nuova Pac (Politica agricola comunitaria), che riconosce i tartufi freschi come prodotto agricolo.

Tale provvedimento consente di ridurre la tassazione sui tartufi in commercio dal 20% al 10% dei prodotti agricoli, in linea con quanto avviene nel resto d’Europa e quindi nei Paesi concorrenti dell’Italia per la tartuficoltura. “A parità di regime fiscale, la qualità dei tartufi made in Marche riuscirà ad imporsi – ha concluso Spacca – con ancora maggiore incisività a livello mondiale”.



 

Precedente FABRIANO - Ariston, nuovi scioperi referendum tra gli operai Successivo Inaugurato l’anno accademico. Lacchè: «Iscritti in aumento»