La Provincia cede i dipendenti: in 186 diventeranno regionali

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 29 settembre 2015 – Il nuovo Ente di area vasta comincia a prendere forma: arriva uno degli atti più attesi, quello riguardante il personale. Con la riforma delle Province, infatti, la Regione ha individuato le funzioni che saranno assorbite alla competenza regionale: per questo palazzo San Filippo ha redatto l’elenco del personale da trasferire, in quanto rientrante nelle previsioni della legge regionale 13/2015. Il presidente della Provincia, Paolo D’Erasmo, ha firmato il decreto che approva gli elenchi di personale, divisi in base alla tipologia, «elaborati nel rispetto degli indirizzi dell’Osservatorio regionale, della Regione e dalla condivisione di modalità operative definite nell’ambito di specifici incontri tecnici tra Regione e Province». Si tratta di tre liste, che in totale comprendono 186 dipendenti, due terzi dei quali a tempo indeterminato. Il totale dei costi è di 6.772.034,02 euro.

Sono dodici le funzioni non fondamentali individuate, a cui si aggiunge la funzione ‘ex Anas’: ebbene, in totale parliamo di 121 dipendenti, per un costo totale di oltre 4,5 milioni. A fare la voce grossa, in questa lista, è la Formazione professionale, che con 63 dipendenti costa 2,2 milioni. Nella funzione ‘Beni e attività culturali’ 6 unità di personale (1 dirigente) per 272mila euro; ancora, nel ‘Turismo’ quattro dipendenti per 149mila euro. Nove unità (1 dirigente) per la funzione ‘Caccia e pesca’, con costi superiori a 384mila euro. Seguono Agricoltura (un dipendente, 52mila euro), Difesa del suolo (9 unità e 331mila euro), Servizi sociali (tre dipendenti per 95mila euro), Trasporto pubblico locale e viabilità (6 unità per 207mila euro), Protezione civile (in tre costano 113mila euro), Edilizia pubblica (due per 77mila euro), Sviluppo economico e attività produttive (quattro unità per 156mila euro) e l’ultima funzione, ‘Supporto – Generali’, con sette dipendenti per 254mila euro.

A questi 117 dipendenti, dal costo di 4,3 milioni, si sommano i quattro della funzione ex Anas (compreso un dirigente) che valgono ulteriori 265mila euro: il totale parla quindi di 121 unità che costano 4,5 milioni. A questa prima lista, se ne somma una seconda riguardante i dipendenti a tempo determinato: che sono ventidue e significano altri 693mila euro. Ultimo addendo, la lista della funzione ‘Mercato del lavoro’ (tra le funzioni non fondamentali delle province ci sono infatti quelle soggette a riordino da parte dello Stato in questa materia): quindi altre 43 unità per un costo di 1,5 milioni.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente "Inneggiava alla guerra santa". Scatta un altro arresto Successivo Sicurezza, stretta sui controlli: "Ecco come cambia la vigilanza"