La sede del Pd imbrattata dai vandali

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Macerata, 15 novembre 2014 – La sede comunale del Pd di via Spalato è finita nel mirino di vandali. Che si tratti di un gesto di contestazione politica o semplicemente di una bravata è tutto da vedere, sta di fatto che, probabilmente nel corso della nottata, qualcuno ha imbrattato l’ingresso del locale buttandoci liquido che sembra essere vernice.

E stamattina la facciata della ‘casa’ dei democratici si presentava come da foto: schizzi neri sulla porta colati copiosamente sulla soglie dell’ingresso, la scritta Renzi sul muro con spray rosso che però è di qualche tempo fa, e gli immancabili sacchetti di rifiuti poggiati a terra, ma questi sono una scena consueta in ogni angolo della città grazie (o a causa) della raccolta porta a porta.

Non è la prima vola che la sede del Pd finisce al centro dell’attenzione. Ai tempi del governo Letta, i militanti di Forza nuova piazzarono lì un manifesto contro l’allora ministro Kyenge (‘Kyenge torna in Congo’), gesto per il quale è finito sotto processo Tommaso Golini, coordinatore locale del movimento di destra. Ancora prima si parlò della sede per altri motivi, ovvero per il fatto che non venivano pagate le bollette della luce e le quote condominiali. E in quella circostanza si scoprì che la proprietà della sede era ancora del Partito popolare italiano, che l’aveva lasciata in eredità (senza atti formali, però), prima alla Margherita e poi appunto al Pd. E nessuno, però, si preoccupava di pagare quanto dovuto



 

Precedente Detenuto appicca il fuoco alle suppellettili, paura in carcere Successivo Corto medievale film festival L'elenco con tutti i vincitori