Laboratorio centro storico

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 6 settembre 2015 – I politici di professione che discutono se l’ex mercato coperto possa essere la sede migliore per l’Agenzia delle entrate e se questa sia davvero l’occasione per risolvere la questione del recupero dell’edificio. I giovani aspiranti architetti che arrivano da tutta Italia per suggerire come utilizzare meglio il centro storico. Non si può certo dire che la prima settimana dopo le ferie sia stata svogliata e leggera.

Questo spirito così frizzante e propositivo però andrebbe sfruttato meglio, evitando per una volta il noto male fermano: camminare ognuno per conto proprio. La politica e il laboratorio di ‘Stripe Festival’ – che coinvolge anche l’Ordine degli architetti – dovrebbero trovare il modo di incontrarsi e di integrarsi per un confronto ampio sul futuro del centro storico e di tutta la città. Coinvolgendo, magari, questioni urbanistiche come i lotti di Casabianca, l’ex conceria, le auto in piazza o meno, la dislocazione dei servizi e l’ubicazione migliore per l’ospedale provinciale.

Prendere nota di come l’occhio dei ‘forestieri’ (gli studenti del festival) vedono la città potrebbe illuminare e allargare il campo delle possibili soluzioni, che poi la politica, con la concretezza suggerita dai bilanci, dovrebbe tramutare in scelte possibili e immediate.

Il sindaco Calcinaro e l’assessore Ingrid Luciani non si lascino sfuggire l’occasione.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Attesa per ‘Euro Hoop for All’ all’AdriaticArena Successivo Quei tagli 'razionali'