Ladri acrobati da Black Sun: "Ci hanno rubato anche creme e smalti"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 12 luglio 2015 - Furto al centro estetico Black Sun, in via dei Velini, nella notte tra mercoledì e giovedì. Portato via un bottino di oltre 8.000 euro, tra computer portatile, tablet, soldi in contanti, smalti e creme, documentazione fiscale. E si direbbero ladri acrobati dalle modalità con cui sono entrati in azione. «Si sono arrampicati sulla grondaia passando dalla strada dietro – racconta Marco, cugino di Ludovica Scocco, la titolare del centro estetico –, così hanno raggiunto il terrazzo, sul retro del tabacchi (attività confinante con il Black Sun, ndr.) e, da lì, ancora camminando sulla grondaia, la nostra finestra, da cui hanno avuto accesso allo sgabuzzino. Hanno allargato le sbarre, forse con un cric, e poi rotto la serratura (sulla quale sono rimasti attaccati dei capelli lunghi neri). Non abbiamo l’allarme, e la telecamera riprende solo l’ingresso principale esterno».

Una volta dentro, quindi, i malviventi hanno potuto agire indisturbati. «Hanno svuotato i sacchi della biancheria – continua – e usato gli asciugamani grandi facendone dei fagotti per trasportare la refurtiva. Ci hanno rubato un computer HP portatile nuovo, un tablet Samsung, anch’esso appena acquistato, entrambi stavano dietro il banco d’ingresso. Poi 1.700 euro in contanti, circa 3.000 euro di creme varie (di un’azienda prestigiosa, quindi costose) e hanno svuotato completamente lo scaffale degli smalti, che in tutto valevano circa 2.000 euro. Si tratta di un tipo di smalto particolare, semipermanente, che dura tre settimane e resiste all’acqua e agli urti. Poi, hanno preso documentazione fiscale, carte intestate e timbri». Un grosso problema anche per continuare a lavorare, dal momento che «i materiali – sottolinea Marco – non ci arrivano subito, le aziende non ne dispongono nell’immediato. E in questi giorni è difficile accontentare i clienti, ci mancano i prodotti».

Stavolta, i titolari decidono di prendere provvedimenti. «Metteremo una finestra rinforzata sul retro – spiegano – e un sistema d’allarme. Siamo costretti da quanto accade». «Hanno rubato anche il mio camice – aggiunge Anna Hallmann, una delle dipendenti -, che avevo lasciato sul lettino dopo essermi cambiata. Da un armadietto, hanno preso prodotti vari, portandoli poi nella stanza della doccia solare, dove li ho trovati ammucchiati sul pavimento. I sacchi della lavanderia erano stati svuotati e i vestiti sporchi lasciati in terra. Era chiaro che avevano rovistato dappertutto, specialmente nei cassetti, messi a soqquadro. Hanno tentato anche di portarsi via il decoder tv e radio, che però era attaccato con i fili, forse per questo non ce l’hanno fatta». Da Black Sun i ladri erano entrati anche quattro mesi fa, ma non avevano portato via nulla.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente La viabilità nelle Marche in tempo reale -A cura di CCISS- Successivo Civitanova, con l'auto dentro una casa Centra un mezzo, sale le scale e si ribalta