Ladri fanno razzìa nel supermercato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Servigliano, 17 dicembre 2014 – Forzano la porta secondaria, si introducono nel negozio e rubano generi alimentari e contanti per qualche decina di euro, poi tentano di entrare senza riuscirci anche in una tabaccheria a Piane di Falerone. Questo è il bollettino dell’ultima notte di scorribande dei ladri, che magari scoraggiati dalla presenza delle pattuglie dei carabinieri, hanno allentato la stretta nel distretto del cappello per spostarsi a Servigliano. Il furto è avvenuto nella notte tra lunedì e martedì ai danni di un negozio di alimentari sito lungo la circonvallazione Clementina, nel centro storico. Il furto probabilmente è avvenuto dopo le 2, orario di chiusura del bar, che si trova solo a dieci metri dal negozio di alimentari colpito dai ladri.

I malviventi hanno forzato la porta di accesso secondaria, quella posta sul lato interno del centro storico, così da potersi muovere indisturbati, poi hanno fatto razzia: prosciutti, salami, formaggi, persino dolci e panettoni, oltre a qualche decina di euro in contanti, il deposito di fondo cassa che i titolari dell’esercizio commerciale utilizzano per il resto. La notizia ha impiegato poco a fare il giro del paese. Servigliano circa due anni fa è stato duramente interessato dal fenomeno dei furti in appartamento, in particolare la zona di Colle Clementino, tanto da rimettere in moto il servizio di controllo del vicinato. I coordinatori dei vari quartieri hanno sollecitato i residenti a riprendere la buona abitudine di controllare auto e persone sospette e invitato le persone che restano in casa a controllare anche le abitazioni limitrofe. Nella stessa notte i ladri hanno tentato di entrare anche nella tabaccheria di Piane di Falerone, sita lungo il viale della Resistenza. Nonostante i vari tentativi, però, non sono riusciti ad entrare, trattandosi di una zona trafficata. Poi hanno desistito per non essere scoperti.

Alessio Carassai



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Si ustiona facendo il limoncello Successivo Recanati, versa 400 euro di caparra per trascorrere le vacanze di Natale a Moena, ma è una truffa