Ladri in azione nella casa dei genitori del consigliere Gasperini

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Fano, 27 dicembre 2014 – Bliz di ladri senza ritegno ad Orciano, tanto da aver aperto anche il regalo di Natale destinato al nipotino di un anno e mezzo delle loro vittime. Nel tardo pomeriggio del 23 dicembre una banda di malviventi ha saccheggiato l’abitazione dei genitori del consigliere comunale Marco Gasparini, leader del gruppo di minoranza “ProgettOrciano”.

Un’azione fulminea, compiuta tra le 17 e le 18, quando gli ignoti, almeno due a giudicare dai danni procurati in brevissimo tempo, si sono introdotti nella villetta dei Gasparini, in via Montepalazzino, forzando una porta finestra e poi mettendo a soqquadro le camere da letto e il piano seminterrato, nel quale ci sono ancora l’ufficio di Marco (geometra, che da alcuni anni risiede a San Costanzo) e la sede di “ProgettOrciano”.

I ladri, dopo aver scartato il pacco sotto l’albero che conteneva il regalo dei padroni di casa per il nipote di appena 18 mesi, lasciandolo poi in terra perché non si trattava né denaro né gioielli, sono riusciti a mettere le mani su un paio di catenine d’oro, su alcune collane e sulla fede nuziale della mamma del consigliere.

In quel lasso di tempo, di appena un’ora, i proprietari sono stati fuori per una commissione e al loro rientro i delinquenti avevano già preso il volo. “Il fatto che l’uscita dei miei in quella fascia oraria non fosse né programmata, né abituale – commenta Marco Gasparini – ci fa pensare a un controllo dell’abitazione da parte di qualche basista sul posto. Ed è molto strano anche il fatto che i malviventi siano passati da una porta laterale dopo aver attraversato l’intero giardino senza essersi sporcati per nulla le scarpe, tanto da non lasciare impronte in casa.

Insomma, nonostante il buio e la fitta nebbia di quei momenti, i ladri sapevano benissimo dove mettere i piedi, tanto da sfruttare un piccolo viottolo in selciato, che solo chi conosce bene la proprietà dei miei genitori poteva percorrere. I beni sottratti – aggiunge il consigliere – sono di poco conto da un punto di vista economico, ma importati sul piano affettivo e poi resta la paura; il non sentirsi più al sicuro neppure a casa propria, che per le persone anziane è ancora più devastante.

Da consigliere comunale voglio sollecitare l’amministrazione e gli organi di polizia ad intensificare i controlli in questo periodo di feste in cui più spesso del solito si esce di casa; e voglio anche riproporre un progetto che fu preso in considerazione, ma mai attuato, dalle precedenti amministrazioni, ossia la video sorveglianza dei punti di accesso al paese, che garantirebbe un maggior controllo del territorio e fungerebbe da deterrente contro i malintenzionati”. 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Vuelle sconfitta dalla Virtus, Dell’Agnello bestemmia in sala stampa. Poi le scuse Successivo Poliziotti aggrediti agli Archi I tunisini avevano la droga